Angolo di tempo

In colpo di tempo mirato
il pensiero catatonico era scisso,
il verde respiro intriso di leggerezza
cadde nello scoppio del buio.

Un superbo suono era pretesto
per amare e odiare.
La lontananza fluiva sulla pelle
e voce abbracciava vie di smarrimento.

Divenir sabbia e perdersi in pietre
divenir parola e perdersi in atti
ritornar germoglio e subire solitudine di bosco.

Mai divenni sereno vivente,
per assenza di simile

mai mi persi in amore.

Davide Ritorto

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *