EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Primo Aprile, Pesce d’Aprile

Primo aprile, Pesce d’aprile. Perchè? Il primo aprile in genere è il  91º giorno del calendario gregoriano, un giorno dedicato agli scherzi e le burle da tempo memorabile, non se ne conosce la vera origine ma le prime  tracce pare siano antecedenti al  154 A.C., quando il primo aprile segnava l’inizio dell’anno. Il Primo Aprile era una sorta di capodanno infatti sino all’adozione del Calendario Gregoriano nel 1582, veniva osservato come Capodanno da diverse culture distanti, come l’antica Roma e l’India.


Il Capodanno era in origine celebrato dal 25 marzo al 1º aprile, prima che la riforma gregoriana lo spostasse indietro al 1º gennaio. Altri scrivono invece che il Primo d’Aprile cadeva la primavera quindi terminava l’inverno in quel momento dell’anno si usava propiziare la stagione con feste e festeggiamenti. La festa prendeva un particolare sapore con scherzi e scherzetti.E cosi alcuni studiosi hanno ipotizzato come origine del pesce d’aprile l’età classica, ed in particolare sia nel mito di Proserpina che dopo essere stata rapita da Plutone, viene vanamente cercata dalla madre, ingannata da una ninfa, sia nella festa pagana di Venere Verticordia alcune possibili comunanze con l’usanza attuale. Dopo arriva il Cristianesimo, vengono messe al bando le tradizioni pagane ma in Francia parte una sorta di festa bizzarra con eventi di ogni genere, tutti burleschi, pazzeschi e talvolta pericolosi. Durante il regno di Carlo IX di Francia, verso la metà del XVI secolo, in tutta la Francia le celebrazioni del nuovo anno cominciavano il 25 marzo e finivano una settimana dopo, il 1°aprile appunto. Nel 1564, attraverso il decreto di Roussillon, si legge, il re decretò l’adozione del calendario gregoriano facendo diventare così il primo giorno dell’anno il 1 gennaio. Molti francesi o contrari a questo cambiamento o che semplicemente se ne dimenticarono, continuarono a scambiarsi regali, festeggiando durante la settimana che terminava con il 1°aprile. Qualcuno però inizio a fare gli scherzi per ridicolizzare le feste.


Una allegra leggenda popolare racconta invece  che la creazione del mondo terminò il 1°aprile e in quel giorno il Signore, finite tutte le cose, tornò in cielo. I primi uomini creati erano come storditi e non sapendo cosa fare si misero a cercare il cibo per sfamarsi e un posto riparato per passare la notte; molti intralciavano le ricerche dei più intraprendenti, finché, in una confusione generale, i più sciocchi furono inviati lontano a prendere cose inesistenti: nasce così da questo aneddoto l’usanza di mandare i creduloni in giro a cercare ciò che non esiste.

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION