web analytics

25 Aprile: Parata fascista a Cagliari, caso unico in Italia nel giorno della Liberazione

Published on apr 22 2012 // News     Questo articolo è stato scritto da Hamlet

25 Aprile: Parata fascista a Cagliari, caso unico in Italia nel giorno della LiberazioneTesto lettera di protesta da inviare al Prefetto ed al Sindaco di Cagliari

Cagliari, il 25 aprile in piazza anche movimenti neo fascisti. Del caso ne abbiamo già parlato qualche giorno fa 

Ad intervenire questa vota è il consigliere comunale Enrico Lobina che manda in rete un testo, specificando che non è l’autore del testo ma aderisce all’idea di inviare una lettera al Sindaco e al Prefetto. Il testo è da inviare a prefettura.cagliari@interno.it e per conoscenza a

‘redazione@corriere.it’; ‘larepubblica@repubblica.it’; ‘stampaweb@lastampa.it’; ‘studioaperto@mediaset.it’; ‘redazione@sardegnaquotidiano.it’; ‘repubblicawww@repubblica.it’; ‘unione@unionesarda.it’; ‘lanuovasardegna@lanuovasardegna.it’; ‘redazione@rainews24.it’; ‘unitaonline@unita.it’; ‘Segreteria.redazione@ilgiorno.it’; ‘redazione@ilsecoloxix.it’

 Ecco cosa scrivere nella mail:

Gentile Prefetto,
in relazione alla parata che i gruppi neofascisti svolgono provocatoriamente ogni anno in centro città, caso unico in tutta Italia, sotto la copertura di un comitato che vorrebbe rendere omaggio ai combattenti della Repubblica di Salò (cioè coloro che si allearono con i nazisti contribuendo alla distruzione del Nord Italia ed alla deportazione nei campi di sterminio di cittadini italiani), le chiediamo di vietare la piazza ai seguaci del fascismo, ai sostenitori dei campi di sterminio, dell’odio razziale e della violenza, ai nemici della libertà per la quale han combattuto generosamente i nostri avi 67 anni fa.


Durante la repubblica di Salò i convogli partiti dall’Italia (territorio della Repubblica di Salo) per Auschwitz furono 11, per un totale di 4500 deportati, di cui risultarono superstiti, alla liberazione, 258 persone. A questi occorre aggiungere gli stranieri rifugiatisi, i deportati dal Litorale Adriatico e dal Dodecanneso: un totale di circa 7500 deportati con 518 superstiti, pari a poco più del 7%. Più di 100 risultano i bambini di età inferiore a un anno circa 500 quelli di età compresa tra due e dieci anni. Oltre 500 furono gli ultrasettantenni deportati (Il libro della memoria, pp. 26-33).
Questi neofascisti inneggiano a tutto questo, all’odio razziale e al fascismo, alla fine della democrazia.
La democrazia, nella sua innata generosità, consente libertà di manifestazione anche ai suoi più acerrimi nemici, cioè i sostenitori del fascismo e dell’odio razziale. Tuttavia, se la manifestazione si svolge in centro città nel giorno in cui i cittadini festeggiano la Liberazione, essa diventa uno sfregio per la democrazia e per la libertà stessa, oltre che un problema di ordine pubblico.
Il monumento di via Sonnino, inoltre, ricorda gli italiani caduti nella prima guerra mondiale e non i fascisti appartenenti alla repubblica di Salò, che possono viceversa essere commemorati nelle sedi più opportune, cioè i cimiteri e i luoghi di culto. Oppure in spazi privati.
I cittadini cagliaritani han potuto vedere negli ultimi anni in città, caso unico in tutto lo Stato Italiano, una indegna manifestazione fascista, corredata da saluti romani, bandiere con fasci littori (i tricolori che portano i partecipanti hanno disegnato il fascio littorio), slogan al duce di mussoliniana memoria. Si trovano le immagini sul web delle parate fasciste degli anni scorsi in un sito neofascista sardohttp://www.sardegnaskinheads.it/index.php/concerti-e-foto/manifestazioni
Ci son stati anche momenti di pericolo per l’incolumità delle persone, in quanto questi gruppi neofascisti han provato ad assalire dei giovani http://www.youtube.com/watch?v=sUFmv-NyGYY
In questi stessi giorni, gli stessi gruppi neofascisti si son resi protagonisti di azioni indegne anche a Roma, aggiungendo minacce alle loro gesta http://roma.repubblica.it/cronaca/2012/04/21/news/avogadro-33687199/
Chiediamo al Signor Prefetto di vietare questa manifestazione che, se fatta il 25 aprile giorno della Liberazione, è una provocazione fascista ed uno schiaffo in faccia a tutti i sinceri cittadini democratici cagliaritani.
Il fascismo non è un’opinione, è un crimine, come insegna la nostra Costituzione Repubblicana.

Cordiali saluti

Clicca qui per scaricare il testo della lettera 

Be Sociable, Share!

Info su: Hamlet

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.



8 Comments

  1. CesareNo Gravatar scrive:

    Non possiamo permettere una cosa simile!

  2. Tony MNo Gravatar scrive:

    posso sapere perché non è possibile copiare la lettera con il copia e incolla?

  3. fabio di puccioNo Gravatar scrive:

    già il nostro paese sta messo maluccio e ci siamo anzi ci hanno sputtanato in tutto il mondo , la bella Sardegna hai suoi problemi , ci manca solo questa manica di imbecilli a fare la parata fascista nel giorno della liberazione….NON POTETE PERMETTERE ANCHE QUESTO …BASTA ….VERGOGNA

  4. alessandra pasquiNo Gravatar scrive:

    potete mandare il testo anche a me, così invio la lettera?
    grazie

  5. Tony MNo Gravatar scrive:

    mandata

  6. albertoNo Gravatar scrive:

    mi mandate il test e gli indrizzi. grazie

Leave a comment


− 2 = cinque

Subscribe to our RSS Feed! Follow us on Facebook! Follow us on Twitter!