web analytics

Halloween La notte delle streghe

Published on ott 05 2012 // cultura     Questo articolo è stato scritto da Acquario

Alcuni studiosi hanno rintracciato le origini della festa di Halloween nella festa romana dedicata a Pomona, dea dei frutti e dei semi, o nella festa dei morti chiamata Parentalia.

Per altri non c’è dubbio che , la festa di Halloween, è più tipicamente collegata alla festa celtica di Samhain, parola che significa approssimativamente “fine dell’estate”.
In effetti, più di 2500 anni fa, l’anno dei Celti terminava alla fine dell’estate, precisamente il 31 ottobre del nostro calendario odierno. Nella notte tra il 31 ottobre e il 1° novembre cominciava la festa di Samhain.

Alla fine di ottobre il lavoro nei campi era concluso, il raccolto era al sicuro ed i contadini potevano finalmente rilassarsi. Ed ecco quindi che nasce il pretesto per organizzare la festa del primo novembre, compresa di vigilia. Un capodanno dedicato a Samhain. In questa notte Samhain, signore delle tenebre e dei morti, andava a trovare le anime dei defunti per rivelare il loro destino. Era la notte in cui il tempo e lo spazio si annullavano come si annulava pure il confine tra la vita e la morte.
La sera del 31 ottobre i Celti che non volevano essere posseduti dai morti e tanto meno dagli spiriti, rendevano le loro case fredde e inaccoglienti. Poi si mascheravano in modo tale da essere loro ad essere temuti e non il contrario. Solo il mattino dopo avrebbero riacceso il fuoco e avrebbero offerto sacrifici. La mascherata della sera prima continuava ancora per tre lunghi giorni, durante i quali si festeggiava, alla luce di lanterne, ricavate da cipolle intagliate.
Con l’arrivo del cristianesimo la chiesa sostituì questa usanza con la festa di Ognissanti, così l’antica tradizione di Halloween non andava perduta.

E le zucche? Quella è un’altra storia.

Simbolo universale di Halloween la zucca intagliata deriva da una leggenda che parla dell’incontro fra il diavolo e un uomo : Jack O’Lantern.

Jack era un ubriacone che vendette l’anima al diavolo per pagare i suoi debiti di gioco. L’incontro tra i due avvenne proprio nella notte di Halloween e così stipularono un patto che Jack non rispettò. Il diavolo dovendo partire, promise a Jack ke sarebbe tornato l’anno dopo ad Halloween. Anche questa volta Jack riuscì con uno stratagemma a ingannare il diavolo, facendogli promettere di lasciarlo in pace per dieci anni. Terminato il tempo Jack fu punito a vagare sempre sulla terra e a peregrinare come un’ anima in pena. Jack per passare tra le tenbre mise un pezzo di carbone in una rapa
Ecco perchè è stato soprannominato Jack O’Lantern.

Più tardi la leggenda cambiò nel finale e invece di una rapa comparirà la zucca gialla di Halloween.


Be Sociable, Share!


Leave a comment


due − 1 =

Subscribe to our RSS Feed! Follow us on Facebook! Follow us on Twitter!