EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

LO STREET ARTIST ANDRECO A BITONTO LA GIOIA DEL GREATO

download (1)Mostra di Umberto Kühtz e rassegna d’arte per la società

Con le pennellate di Andreco, uno street artist di fama internazionale, continua a Bitonto La gioia del creato, la piccola rassegna d’arte inaugurata nel Torrione Angioino il 2 ottobre scorso. Andreco, 38 anni, romano, arriverà a Bitonto venerdì 21 ottobre per realizzare uno dei suoi murales in Piazza Unità d’Italia nell’area 167 della città. L’artista, con un dottorato di ricerca in Ingegneria Ambientale sulla sostenibilità urbana, vive tra Bologna e New York. Dal 2000, parallelamente alla formazione scientifica, porta avanti la sua ricerca artistica. Utilizza varie tecniche, dal disegno alla pittura, dalla scultura al video, che nelle esposizioni sono spesso combinate tra loro; realizza installazioni, performances, murales e progetti di arte pubblica a volte supportati da un percorso partecipativo. Nel 2015 ha realizzato molte opere interessanti nel comune di Bologna, come “Icone dalla Resistenza Ontologica” un monumento alla Resistenza Partigiana installato sulla facciata della biblioteca di Pianoro (Bo). Andreco comincerà a lavorare mentre alcuni ragazzi con lievi disabilità saranno impegnati in un laboratorio di street art a cura di Pigment e Fractal studio e nel Torrione Angioino continuerà l’esposizione delle opere grafiche e pittoriche dell’architetto Umberto Kühtz, sindaco della cittadina dal ’94 al ’98 e recentemente scomparso, al quale è dedicata l’intera rassegna e che nell’ultimo anno di vita, a 86 anni, aveva iniziato a interessarsi alla street art e alle sue ricadute sociali sulle città.

Il 21 ottobre alle 19:30, sarà il giornalista della Gazzetta del Mezzogiorno Nicola Signorile a presentare la mostra e l’artista. Ospite anche l’assessore alle politiche urbanistiche del Comune di Bitonto, Nicola Parisi. Subito dopo, sempre nel Torrione Angioino, un concerto di musica e parola, ideato e rappresentato da Andrea Gargiulo, Annamaria Cappiello e Silvana Kühtz, figlia di Umberto e organizzatrice della mostra. La gioia del creato è tante cose insieme: pittura, poesia, concerti, dibattiti, passeggiate paesologiche in giro per la città, senza trascurare le forme d’arte meno convenzionali e i laboratori per disabili, che inizieranno anch’essi venerdì. Tra gli altri organizzatori, Pigment Workroom e Fractal studio. La rassegna è patrocinata dal Comune.

L’accesso pomeridiano alla mostra, che si concluderà il 31 ottobre, è gratuito.

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION