EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

La dieta mediterranea aiuta il cervello

dieta,verdure,invernali,saluteLe funzioni cognitive possono essere preservate seguendo la dieta mediterranea tradizionale, composta da legumi, cereali, verdura e frutta ma anche latticini, pesce e carne

La dieta mediterranea può preservare le funzioni cognitive e aiutare le persone in là con gli anni ad avere un intelletto brillante e prestante. Mangiare bene, prediligendo cibi semplici può aiutare il cervello a restare in salute.

Il cervello e la dieta mediterranea

Secondo un’indagine scientifica svolta presso l’Università di Edimburgo, la dieta mediterranea evita la riduzione del volume cerebrale, un fenomeno che riguarda le persone mature. Lo studio, che ha coinvolto 967 persone con un’età media di 70, ha rivelato che seguire la dieta mediterranea mantiene le capacità cognitive ed il volume cerebrale. Dei volontari, 562 hanno effettuato una risonanza cerebrale a 73 anni e 401 hanno ripetuto la risonanza a 76 anni. I dati dimostrano che fra coloro che hanno mangiato secondo i parametri della dieta mediterranea il volume del cervello si è mantenuto mentre gli stessi risultati non si sono ottenuti fra gli altri volontari. Lo stesso risultato è stato dimostrato anche quando si sono presi in esami altri parametri, come per esempio i valori di pressione arteriosa, il titolo di studio e l’età. Mangiare secondo i dettami della dieta mediterranea può effettivamente aiutare ad evitare che il cervello, quando si è in là con gli anni, perda il suo volume. Gli esperti, che hanno sottolineato l’importanza di approfondire la ricerca, hanno evidenziato che la dieta mediterranea comprende verdura, cereali, legumi, olio extra vergine d’oliva, frutta, pesce, latticini, carne e piccole quantità di vino rosso.

La dieta mediterranea fa bene al corpo

La dieta mediterranea tradizionale è sinonimo di salute, risparmio e rispetto dell’ambiente. La dieta mediterranea, denominata così dal medico statunitense Ancel Keys, è stata al centro di numerose ricerche scientifiche. Uno studio effettuato dall’Istituto di neuroscienze del Consiglio nazionale delle ricerche e dall’Università di Padova, ha sottolineato che la dieta mediterranea può influenzare la qualità di vita. Seguire questo regime alimentare, oltre a preservare dall’insorgenza di numerose patologie, può allontanare la depressione ed evitare la disabilità. I dati sono stati elaborati su 4470 statunitensi, con un’età media di 61 anni e sottolineano che la dieta mediterranea può ridurre il rischio di andare incontro a malattie degenerative e debilitanti. La spiegazione può essere rintracciata nelle alte percentuali di sostanze antinfiammatorie, antiossidanti ma anche sali minerali e vitamine.

La dieta mediterranea si rivela utile per controllare il peso corporeo, i livelli nel sangue di colesterolo cattivo e glicemia.

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION