Sclerosi Multipla e CCSVI: uno studio progettato per fallire

ash  Analisi di Direct-MS (Ashton Embry), 11 marzo 2017

Dato quello che sappiamo dello studio sulla CCSVI dell’UBC (Università del British Columbia-Canada), sembrerebbe che sia stato progettato per fallire. Questa valutazione si basa sul seguente aggregato di informazioni.
Si è stabilito senza ombra di dubbio che il leader dello studio, Anthony Traboulsee è un agente delle case farmaceutiche della sclerosi  multipla (SM) (riceve denaro da loro). Così, aveva un forte incentivo finanziario per ottenere un fallimento dello studio. Le connessioni farmaceutiche e le motivazioni di Traboulsee sono stati svelate totalmente dal suo recente commento “Ci auguriamo che questi risultati, .. convinceranno le persone con la SM a non perseguire la terapia di liberazione. Fortunatamente, ci sono una serie di trattamenti farmacologici per la SM che hanno dimostrato attraverso studi rigorosi di essere sicuri ed efficaci nel rallentare la progressione della malattia”. In realtà, nessuno studio valido ha dimostrato che i farmaci per la SM rallentino la progressione della malattia nel lungo periodo è per questo che le case farmaceutiche ed i loro agenti, come Traboulsee sono paranoici sul trattamento della CCSVI, che ha rallentato o fermato la progressione a molti. Bisogna ammirare la faccia tosta di Traboulsee con la sua affermazione che i farmaci per la SM sono sicuri, data la conoscenza che alcuni di essi sono stati a volte letali per i malati.
Un altro punto fondamentale ci suggerisce fortemente che lo studio era stato progettato per fallire a causa di un trattamento inefficace delle vene. Sembra che i ricercatori non abbiano misurato il flusso sanguigno prima e durante lo studio per determinare se l’angioplastica sostanzialmente ha migliorato il flusso sanguigno e se le vene siano rimaste aperte durante il periodo di studio. La richiesta di queste informazioni non può essere troppo enfatizzata. Se hanno un motivo valido per cui hanno trascurato queste misure essenziali, ascoltiamoli. In questo momento, adesso, dati i collegamenti con le case farmaceutiche, dobbiamo pensare che i dati non siano stati raccolti perché avrebbero facilmente rivelato l’inefficace  apertura delle vene e la natura fasulla dello studio.
Infine, le loro motivazioni sono svelate anche da affermazioni come
“Le conclusioni sulla cosiddetta “terapia di liberazione .. rappresentano la demistificazione più definitiva” del trattamento della CCSVI. Oggettivamente, scienziati professionisti non utilizzano termini peggiorativi come “cosiddetta” e “smitizzazione”. Dei ricercatori onesti senza obiettivi nascosti direbber o semplicemente che la loro ricerca non supporta chi sostiene che il trattamento della CCSVI abbia un valore per la SM.
In conclusione, diverse informazioni suggeriscono che l’obiettivo principale dello studio era quello di sfatare il valore del trattamento della CCSVI in modo da scoraggiare i trattamenti della CCSVI, che rappresentano una potenziale perdita della vendita di farmaci. Così è stato progettato per fallire. Questo era tutto molto prevedibile come scrisse il nostro presidente 8 anni fa (http://www.direct-ms.org/sites/default/files/Hope%20and%20Elation.pdf )

Fonte: http://www.facebook.com/ashton.embry.1/posts/1572838576082104?pnref=story

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *