Unione Europea: entro il 2030 bisogna ridurre gli sprechi alimentari del 50%

Crisi-settimana-decisiva-per-l-Unione-Europea_h_partbIl Commissario Ue ha inaugurato la nuova piattaforma contro gli sprechi; lo scopo degli incontri dei 70 membri è quello di individuare soluzioni per ridurre gli sprechi alimentari.

Un’iniziativa originale, che arriva dopo che nel 2016 sia Italia che Francia hanno iniziato ad adottare leggi relative agli sprechi.

Una visione di più ampio respiro ci fa registrare profonde diseguaglianze, soprattutto in campo alimentare sull’intero pianeta, ingiustizie praticate da troppi anni.

La legge introdotta in Italia, prevede la donazione di cibo da parte di Produttori e Commercianti. In Francia possono donare tutti gli esercizi commerciali, compresi Ristoranti, Imprese.

Quali sono le cause della fame nel Mondo

Nel nostro Paese i poveri sono aumentati, le fila di chi si serve delle mense di solidarietà è notevolmente cresciuto. Sono le conseguenze di un sistema malato, della mancanza di politiche adeguate. Le contraddizioni anche non mancano: Migliaia di euro di cibo finisce nei rifiuti. Di recente molti ristoratori si sono fatti promotori di iniziative contro lo spreco, donando il cibo avanzato a poveri o associazioni, senza che ci fosse una legge che lo prevedesse. La percentuale di obesi sale.
Nel mondo la fame ha cause diverse: Nei cosiddetti paesi in via di sviluppo non esiste l’agricoltura, non esistono mezzi per poterla praticare, né tecniche, né capitale per fare Impresa.
Investimenti zero, il clima arido non aiuta, come non favoriscono l’agricoltura la siccità, le alluvioni ed infine le guerre impediscono la nascita di qualsiasi prospettiva di vita.
Le multinazionali decidono riguardo all’Economia e alla povertà.
Oltre 44 mila associazioni di beneficenza solo in Italia. Anche questo è un dato indicativo, che lascia dei forti dubbi.
Le domande sono tante: Le risorse generate dall’attività di queste associazioni benefiche non potrebbero essere impiegate in acquisto di sementi? in bonifica delle terre? non si potrebbe insegnare a quelle popolazioni oppresse dalla fame a camminare con le proprie gambe?

Oltre alla democrazia e alla presunta solidarietà non si potrebbe anche la Cultura? L’istruzione?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *