Unicusano: La facoltà di Ingegneria al seso posto della VQR

Unicusano: La facoltà di Ingegneria al seso posto della VQR

Unicusano: La facoltà di Ingegneria al seso posto della VQR

L’Università Niccolò Cusano ha ottenuto un nuovo ed importante riconoscimento. La facoltà di Ingegneria dell’ateneo si è classificata al sesto posto della classifica Vqr, ossia Valutazione della qualità della ricerca, elaborata dall’Agenzia nazionale per la valutazione del sistema universitario e la ricerca, il cui acronimo è Anvur. Si tratta di un obiettivo piuttosto prestigioso, frutto di un grande impegno, portato avanti grazie ai cospicui investimenti voluti dall’Università Cusano e all’impegno del corpo docente. Il professor Gino Di Bella, coordinatore della facoltà di Ingegneria, in un’intervista rilasciata all’agenzia di stampa nazionale Dire,ha spiegato come è stato possibile raggiungere un simile risultato, frutto di un lavoro iniziato quattro anni fa. Il professor Di Bella ha proseguito sottolineando l’impegno dei ricercatori e dei professori per l’elaborazione della parte didattica, elaborata in forma telematica. La sesta posizione della classifica Vqr è stata raggiunta anche dopo gli investimenti voluti dall’ateneo in modo da garantire la disponibilità, in tempi ridotti di laboratori innovativi. Durante l’intervista non è stato trascurato l’aspetto relativo all’acquisizione di personale altamente qualificato proveniente da altre università. L’attenzione dell’Università Niccolò Cusano per la ricerca scientifica e per garantire un’offerta formativa sempre al passo con i tempi viene riconosciuta non soltanto dalla realtà scientifica ma anche da parte degli studenti. Nel corso di soli tre anni si è passati da 20 a ben 1000 iscritti al primo anno. Le previsioni per quest’anno erano di 1migliaio di matricole mentre si è già giunti ad 800. Il coordinatore della facoltà di Ingegneria ha chiarito che si è prestata molta attenzione nello scegliere il personale docente, reclutato fra i migliori esperti che operavano in altre università. Il valore dell’Università Cusano ha permesso di vincere due progetti Prin, cioè progetti di rilevante interesse nazionale, banditi dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della ricerca. La facoltà di Ingegneria dell’Università Cusano si contraddistingue per un ottimo livello della didattica e della ricerca.

Unicusano: La facoltà di Ingegneria al seso posto della VQR

Il docente di Tecnologie e sistemi di lavorazione Stefano Guarino, nell’intervista, ha spiegato la natura del progetto che si sta specializzando nel creare dei rivestimenti per chiglie di barche e navi che possano eliminare le possibilità che sullo scafo si formino vegetazione ed alghe, ossia che siano antivegetativi. L’ambizioso obiettivo permette di annullare il rischio di far diffondere specie vegetali in ambienti differenti, preservando così la biodiversità ma anche di ridurre l’attrito dello scafo garantendo un importante risparmio energetico. Il progetto dell’Università Niccoò Cusano viene portato avanti con la collaborazione di molte aziende italiane come la Azimutt Benetti che si occupa di yacht e navi prestigiose. L’ateneo quindi propone delle ottime soluzioni sfruttabili dalla realtà industriale che può contare su prodotti di qualità ed innovativi. Per scoprire la vasta offerta formativa e conoscere meglio l’Università Niccolò Cusano è possibile visitare il seguente link.




Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *