La sclerosi multipla è vascolare

Blood_Brain_Barrier-1  di Joan Beal (CCSVI in Multiple Sclerosis – USA)

La sclerosi multipla (SM) è causata da una rottura delle cellule endoteliali cerebrali. La perdita di queste cellule vascolari, che allineano tutte le 60.000 miglia dei nostri vasi sanguigni e linfatici, avviene poiché la barriera sanguigna si apre, come le cellule immunitarie sono chiamate a creare l’infiammazione, poiché la cascata coagulatoria si verifica aumentando il fibrinogeno, ciò che consente la morte dei neuroni, e che causa la progressione della SM.

Per coloro che odiano il linguaggio medico, trovandolo confuso e a cui piacciono le spiegazioni facili da capire, scrissi un post semplice sull’endotelio e su come funziona: http://ccsviinms.blogspot.it/2015/10/endo-what.html

Non sono certo l’unica a dire che l’endotelio è centrale nella SM.

Una nuova pubblicazione, curata dal neurologo per la SM Lawrence Steinman della Stanford University, afferma quanto segue:

Le cellule endoteliali (ECs) nel SNC costituiscono un’unica barriera emato-encefalica (BBB) che viene rotta nella sclerosi multipla (SM). Sono assolutamente necessarie nuove terapie per ripristinare la funzione della BBB in questa malattia.

La rottura della barriera emato-encefalica (BBB) è una caratteristica preminente e precoce della sclerosi multipla (SM) che danneggia direttamente il sistema nervoso centrale (SNC), favorisce l’infiltrazione delle cellule immunitarie e influenza i risultati clinici. C’è un urgente bisogno di nuove terapie per proteggere e ripristinare la funzione della BBB, sia rafforzando le giunzioni strette endoteliali oppure sopprimendo la transcitosi vascolare endoteliale.

Questa pubblicazione è una review in collaborazione tra Columbia University, UC Irvine, Stanford e Albert Einstein College of Medicine. È possibile leggere l’abstract qui: http://www.pnas.org/content/114/7/E1168.abstract

Non so davvero che altro dire. Il vostro endotelio è importante. Ho pubblicato nel mio blog su questa realtà scientifica fin dal mio primo post. Centinaia di miei post riguardano le cellule endoteliali, perché sono importanti, perché muoiono, come mantenerle. Ovviamente non ho fatto io della ricerca, l’ho solo assemblata…

Sì, sono gratificata che le università riconoscano l’importanza dell’endotelio nella SM. Ma purtroppo rimane una continua ricerca di finanziamenti dall’industria per “miglioramenti farmacologici” invece che una ricerca sull’eziologia o sulle cause della SM. O della comprensione su come l’endotelio venga danneggiato da una varietà di fattori dello stile di vita, vascolari e patologici.

Volevo capire come proteggere e rafforzare l’endotelio, per questo ho inizialmente contattato il prof. John Cooke, della Stanford University, che ha pubblicato un libro sulle misure dell’ossido nitrico e dello stile di vita per curare l’endotelio nelle malattie cardiovascolari. Ora lavora al Methodist di Houston, e dirige un laboratorio dove sta creando cellule endoteliali dalle cellule staminali, per l’uso nella medicina rigenerativa. Ci sta riuscendo! https://scholars.houstonmethodist.org/en/persons/john-p-cooke(c264aacb-20ec-49e9-bc84-40e86a830759).html

Di seguito ci sono gli interventi di cui abbiamo discusso, che ho compilato per mio marito Jeff e altri con la SM. L’endotelio può guarire usando queste strategie. Jeff lo ha fatto veramente bene seguendo questo programma. Ho anche sentito che altre persone con la SM stanno utilizzando queste misure, ritrovando salute e stabilità. Per favore, parlate con i vostri dottori prima di iniziare qualsiasi programma sullo stile di vita, per assicurarvi che sia giusto per voi. Non sono un dottore. Ma mi fido di persone come il prof. Cooke.

http://ccsvi.org/index.php/helping-myself/endothelial-health

La Società Internazionale per le Malattie Neurovascolari (ISNVD) ha recentemente tenuto a Taormina la sua settima conferenza annuale. Quest’anno, il presidente dell’ISNVD era il dott. Stephen Alexander. Ho inizialmente incontrato il dott. Alexander online e poi in persona alla prima riunione del gruppo che sarebbe diventato l’ISNVD, nel 2009 a Bologna. Il dott. Alexander è un ricercatore sull’endotelio che studia le cellule endoteliali nella SM e nell’infiammazione. Con il suo assistente, il Dott. Alireza Minagar, hanno pubblicato molti articoli sulla connessione vascolare con la SM.

Questa è la loro pubblicazione, che ha attirato la mia attenzione dieci anni fa:

Multiple Sclerosis as a Vascular Disease https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16687046

Il loro sforzo più recente è un capitolo incluso nel libro “Inflammatory Disorders of the Nervous System” intitolato “Emerging Roles of Endothelial Cells in Multiple Sclerosis Pathophysiology and Therapy ” (Ruolo emergente delle cellule endoteliali nella fisiopatologia e nella terapia della sclerosi multipla).

La complessa patogenesi della SM può essere apprezzata solo quando e se il contributo vascolare sarà riconosciuto come una parte significativa dell’eziologia della SM. Infatti, molte nuove terapie per la SM bersagliano le caratteristiche infiammatorie vascolari meccanicamente rilevanti di queste condizioni e considerano le cellule endoteliali cerebrovascolari (CEC) come la “mancanza di un portiere” della barriera ematoencefalica (BBB).. https://link.springer.com/chapter/10.1007/978-3-319-51220-4_1

Eh sì, la CCSVI è un fattore. Quando il flusso sanguigno è disturbato, a causa dell’ipertensione venosa o dei vasi sanguigni stenotici, c’è una mancanza di “shear stress” (ndr: sollecitazione provocata dallo scorrimento del sangue sulle pareti dei vasi sanguigni) sulle cellule endoteliali ed esse muoiono. Le cellule endoteliali hanno bisogno di sangue in costante movimento. Ecco una pubblicazione del dott. Alexander sulle lesioni endoteliali venose nelle malattie del SNC. https://bmcmedicine.biomedcentral.com/articles/10.1186/1741-7015-11-219

Mentre i ricercatori continuano a mettere assieme i pezzi del puzzle per trovare mezzi farmacologici per rafforzare l’endotelio, ci sono delle cose che potete fare oggi per aiutarvi.

Lo so, mi ripeto. Tanto. Perché questo è importante.

Guarire l’endotelio, guarire il sistema vascolare, guarire il corpo.

Joan Beal

Fonte: http://ccsviinms.blogspot.it/2017/05/ms-is-vascular.html

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *