EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Alassio: arte e letteratura nella pasticceria “Pane, Burro e Marmellata”

IMG_1229Dopo il successo dell’anno scorso ad Alassio l’abbinata grande cucina e arte ha di nuovo fatto centro. La pittrice monregalese Brunetta Ellena, diventata ormai famosa per i suoi quadri nati  grazie al sapiente uso del pennarello,
spopola sulla Riviera Ligure di Ponente in abbinata a chef stellati.

Nel 2016 le opere di Brunetta hanno spopolato insieme ai piatti tipici di Piemonte e
Liguria realizzati da Renato Grasso, patron del “Santa Caterina” di Varazze e
tra i cuochi più apprezzati dagli intenditori della buona e raffinata cucina. L’
edizione 2017 del binomio pittura e grande cucina ha di nuovo visto
protagonista l’artista di Mondovì che sempre nella città del Muretto ha esposto
le sue più recenti fatiche al “Pane, Burro e Marmellata” la pasticceria che ha
creato al suo interno uno spazio culturale dedicato alla pittura e alla
letteratura. La macchina organizzativa di Franco Rupil, maestro pasticcere e
animatore di eventi, ha dato vita all’incontro, ancora in corso, tra la pittura
di Brunetta Ellena e i peccati di gola che vedono esposte sculture fatte di pan
di spagna e zucchero in abbinata ai quadri della pittrice.  Ellena ha
raffigurato, nei suoi nuovi dipinti, mamme e bambini come simbolo di dolcezza
ideale in un contesto tipico per golosi come “Pane, Burro e Marmellata”. Il
successo delle opere esposte ha permesso un ulteriore interscambio economico e
culturale tra il Cuneese e la Liguria all’insegna delle Alpi del Mare. I quadri
di Brunetta sono anche esposti al “Caravella” di Santo Stefano al Mare, dove
patron Alessandro ha deciso di mettere in mostra i lavori della pittrice
monregalese nel contesto di una rassegna dedicata alle motociclette d’epoca.

Next article

Appuntamento imperdibile per gli appassionati delle quattro ruote e delle due ruote: domani a Villanova d’Albenga, centinaia di modelli storici delle due e quattro ruote che hanno fatto la storia nel mondo dei motori, circoleranno nel centro storico cittadino. L’ occasione è data dall’ annuale raduno sociale per il “Memorial Day”. La manifestazione è organizzata con il patrocinio del Comune di Villanova d’Albenga e della Pro Loco di Villanova. Il via alle ore 8, con le iscrizioni, presso la sede del club. La carovana storica rimarrà esposta dalle ore 8 alle 11 e 30, quando lascerà la Val Pennavaire per un giro panoramico in Valle Arroscia. La giornata proseguirà nel pomeriggio con la consegna dei trofei al veicolo e al motoveicolo più datati (inizio alle ore 16) quando si svolgerà anche il memorial Angelo Biffi e Giancarlo Zerbone, in ricordo dei due appassionati di veicoli storici che fondarono il Club Ruote d’Epoca Riviera dei Fiori di Villanova d’Albenga, che oggi vanta più di17 mila soci in tutta Italia e si piazza al primo posto tra i club federati A.S.I. Alle 17 ci sarà il momento dei ringraziamenti e dell’arrivederci per la “Festa in ti Caruggi” (che si svolgerà a Viallanova dal 14 al 16 luglio) e per l’ evento motoristico a Pieve di Teco del 23 luglio. A guidare il sodalizio villanovese è Augusto Zerbone: “Il nostro gruppo è nato nel 1990 – racconta il presidente Zerbone- fondato da pochi soci con il nome di Ruote d’Epoca Liguri, poi trasformato in Ruote d’Epoca Riviera dei Fiori. Oggi contiamo più di 17 mila soci in tutta Italia e siamo al primo posto tra i club federati all’ A.S.I. Tra gli scopi del nostro sodalizio c’è quello di riunire gli appassionati delle due e quattro ruote, comprendendo anche aerei ed imbarcazioni, organizzare manifestazioni ed occasioni di incontro, contribuendo a far conoscere sempre più la nostra bella riviera ligure”. Il Club in questi anni si è imposto all’attenzione del panorama internazionale del motorismo storico per la spinta innovativa che, unita alla professionalità e capacità organizzativa, ha consentito di organizzare la Mostra scambio per auto e moto e derivati, oggi giunta alla 31esima edizione. “Siamo anche- conclude Zerbone- stati i promotori della Rievocazione storica del Circuito di Ospedaletti, organizzata dal Comune di Ospedaletti ed evento ora divenuto biennale, mentre siamo giunti alla decima edizione della rievocazione storica Cuneo-Colle di Maddalena, che ora è diventata solo una passeggiata turistica con una piccola regolarità”. Il club organizza inoltre tanti momenti di aggregazione sociale, con gite, raduni ed incontri tra i soci ed altri club, è impegnato alla riscoperta di vecchie strade, paesini dimenticati, antichi borghi, chiese e santuari e tanti bellissimi scorci della Riviera e del suo entroterra. CLAUDIO ALMANZI

About the author

Potrebbe interessarti anche

JOIN THE DISCUSSION