Dimentica chiusa in auto bimba di 1 anno, salvata dalla polizia

E’ successo nel parcheggio della metropolitana Bisceglie (MI) questa mattina

 

Una bambina di un anno è rimasta alcune ore chiusa nell’auto della madre in un parcheggio della metropolitana. È accaduto alla fermata Bisceglie della metropolitana di Milano questa mattina. Secondo una prima ricostruzione, la mamma, sarebbe uscita stamani con a bordo la bimba e la precisa intenzione di lasciarla all’asilo ma si sarebbe invece diretta al lavoro “dimenticando” la piccola.

La bimba è rimasta per circa un’ora nell’auto con i finestrini chiusi rischiando di morire. Questa mattina le temperature sfioravano già i 30 gradi. Il passante che ha notato la bambina ha chiamato la polizia e gli agenti arrivati in pochi minuti hanno sfondato un finestrino salvandola. Quando la madre ha saputo al telefono quello che era accaduto, ha avuto un crollo psicologico che ha reso necessario il suo trasporto all’ospedale San Carlo, lo stesso dove è stata accompagnata la bambina.

La donna è stata visitata e sarà sottoposta a un trattamento clinico standard che si applica in questi casi. Al momento non è stata denunciata. I genitori della bambina sono entrambi stimati professionisti e la polizia ha sottolineato che non si tratta di un contesto familiare disagiato. Il primo a essere contattato dagli agenti è stato il padre, completamente ignaro di quanto accaduto. Ogni volta che la cronaca riporta questo tipo di fatti, commenta Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, sembra impossibile che possa succedere. Eppure i casi di bambini piccoli che sono dimenticati in auto sui sedili o legati al seggiolino non sono così rari e capitano in famiglie normalissime ed a genitori apparentemente impeccabili e incapaci di fare del male ai propri figli. Quest’ennesimo fatto che poteva avere un epilogo tragico però dev’essere da monito affinché non accada mai più.

Lecce, 6 luglio 2017

Giovanni D’AGATA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *