Piatto d’estate: crocchette di melanzane

crocchette, melanzanaLe melanzane si raccolgono in campo aperto da giugno fino ad ottobre inoltrato. Possono essere nere o viola, tonde o striate e tutte sono buonissime e versatili.

Le melanzane contengono buone percentuale di acqua, pochi zuccheri e molti minerali come il potassio, il calcio ed il magnesio; apportano vitamina c e fibre che aiutano a ridurre l’assorbimento intestinale di zuccheri e grassi. Nella buccia si annidano molte sostanze preziose, come gli antiossidanti, ecco perché non dovrebbero essere sbucciate. Sono indicate anche per chi è attento alle calorie perché apportano circa 16 calorie ogni 100 grammi. Purtroppo hanno un forte potere assorbente che le trasforma in vere e proprie spugne di grassi e condimenti.

Le melanzane sono diuretiche, migliorano l’attiva del fegato e dei reni e possono combattere la stitichezza.

Le melanzane sono alla base di piatti tipici come la parmigiana e la pasta alla Norma ma si preparano anche in versione dolce. In Campania ad esempio vengono pastellate, fritte e poi ricoperte di crema al cioccolato ed amaretti sbriciolati.

Oggi vi proponiamo delle gustose crocchette di melanzane, buonissime anche fredde.

Ingredienti:

500 grammi di melanzane viola

Olio di girasole

Pan grattato

1 uovo

1 mazzetto di basilico

100 grammi di formaggio grattugiato

100 grammi di provola

 

Laviamo, mondiamo le melanzane e tagliamole a metà; lessiamole in acqua bollente e salata per circa 10 minuti. Scoliamoli e schiacciamole eliminando l’acqua in eccesso; mettiamo la polpa fredda in una ciotola grande unendo il basilico tritato, il formaggio grattugiato e l’uovo precedentemente sbattuto. Correggiamo di sale ed uniamo la provola tagliata a dadini piccoli. Con le mani umidi formiamo le crocchette, passiamole nel pan grattato e scaldiamo abbondante olio; friggiamo poche crocchette per volta, scoliamole e passiamole nella carta assorbente.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *