Sri Lanka e Messico al 32° Ittiri Folk Festa

srilanka_(1)A Ittiri Folk Festa arriva lo Sri Lanka e torna il Messico: il Ranranga Dance Academy e il Ballet Folklorico del Ateneo Fuente parteciperanno dal 21 al 24 luglio al 32° Ittiri Folk Festa, il Festival Internazional del folklore più antico e originale della Sardegna

Due dei sei gruppi stranieri hanno confermato l’adesione. Arriva dall’isola dell’Asia nota anche come Ceylon il gruppo Ranranga Dance Academy, attivo dal 1994 e riconosciuto pure da The International Dance Council ( CID – UNESCO). Il gruppo dello Sri Lanka si è sviluppato grazie all’attività di studenti esperti nel folk e nelle danze tradizionali. In oltre vent’anni di attività ha preso parte a una cinquantina di eventi internazionali, guadagnandosi il rispetto e il riconoscimento delle organizzazioni culturali. Particolarmente apprezzate dal pubblico sono la grazia e l’eleganza delle performance degli artisti del Ranranga Dance Academy.

E’ un ritorno invece quello del Messico, già presente due anni fa, anche se con un altro gruppo: il Ballet Folklorico del Ateneo Fuente de la Universidad Autonoma de Cohauila, nella città di Saltillo, capitale di uno degli stati messicani al confine con gli Usa. Il gruppo è operativo dal 1986 ed è diretto dal professor Eulalio Rodriguez. Propone canti e balli di diverse regioni, con quella gioia di vivere e quell’esplosione di colori che sono un tratto distintivo della cultura del Messico.

Nei prossimi giorni verranno svelati anche gli altri gruppi ospiti, che provengono dai Continenti di America ed Europa. Senza scordare che ai gruppi internazionali vengono affiancati alcuni gruppi sardi in un incontro gioioso di tradizioni culturali e musicali che è il motivo ispiratore principale di Ittiri Folk Festa. Lo spettacolo sul palco e la festosa parata della domenica pomeriggio con tutti i gruppi sono solo un momento di una settimana di esperienze umane e culturali indelebili, ricca di eventi collaterali, che consente agli stranieri di vivere il territorio, la sua gente e le sue tradizioni, stimolando anche il passaparola turistico.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *