Street Art a Castellina Scalo: i Putti colorano la facciata dell’ex cinema

Putti Tv Color - PagniContinua il progetto di riqualificazione urbana che coinvolge sei artisti contemporanei

Monteriggioni. Una serie di angioletti paffuti che porgono dei colorati televisori spenti dipinti sulla facciata dell’ex cinema di Castellina Scalo. E’ questo il secondo intervento di Street Art che giovedì 6 luglio colorerà la frazione di Monteriggioni con la creatività di Pierluigi Pagni, artista contemporaneo senese, sotto il titolo ‘Putti Tv Color’. L’intervento si colloca nell’ambito del progetto ‘Percorsi in Comune Vol.1’, iniziativa di riqualificazione urbana ideata e curata da Gaia Pasi, con il patrocinio del Comune, che coinvolgerà per tutta l’estate sei artisti contemporanei in opere creative e colorate su palazzi, stazione ferroviaria, pensiline degli autobus e noleggio delle biciclette e altri arredi urbani. Ad aprire il progetto, nei giorni scorsi, è stata la creatività di Clet Abraham su circa 50 cartelli stradali fra il Castello di Monteriggioni e la frazione di Castellina Scalo, mentre l’intero progetto sarà presentato venerdì 22 settembre, durante la prima Notte dell’Arte Contemporanea e della Street Art promossa dal Comune di Monteriggioni, alla presenza di tutti gli artisti coinvolti: Clet Abraham, Colette Baraldi, BLUB, Benedetto Cristofani, Pierluigi Pagni e Jacopo Pischedda.

L’opera ‘Putti Tv Color’ che colorerà la facciata dell’ex cinema, sul lato Piazza della Pace, è realizzata con acrilici, colla Vinavil e acqua e vuole richiamare l’attenzione sulla spiritualità piuttosto che consegnare la mente e il corpo ai messaggi promossi dalle televisioni.

Pierluigi Pagni è nato a Siena nel 1979 e dopo gli studi al Liceo artistico ‘Duccio di Buoninsegna’, sezione architettura, ha seguito il corso di scenografia all’Accademia di Belle Arti di Firenze, dove ha approfondito lo studio del disegno geometrico e del disegno a mano libera. Al tempo stesso, nasceva in lui la necessità di uscire dagli schemi imposti dal disegno tecnico, spingendolo a lasciare l’Accademia dopo due anni per dedicarsi completamente alla pittura. Oggi Pagni utilizza principalmente smalti ad acqua e colori a olio su supporti vari, quali tela, legno e PVC, ma anche materiali per l’edilizia, quali cemento, gesso, poliuretano e stucchi per le sculture.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *