Rocco Morabito fermato in Uruguay

rocco morabito ANSArocco morabito ANSA

Duro colpo al crimine organizzato calabrese. Fermato dopo oltre 20 anni di latitanza Rocco Morabito detto U Tamunga.  Morabito a quanto riportano le cronache,  è da sempre stato attivo nello spaccio di sostanze stupefacenti tra cui la cocaina. Sarebbe stato proprio Rocco Morabito ad avere una certa influenza nel mercato della droga milanese.

A Milano Morabito ci arriva giovane, a 25 anni ed è lì che all’ombra della Madonnina inizia il suo percorso.

La droga ha sempre caratterizzato il business dei Morabito sia in Italia che in America Latina ed è qui che per anni, a quanto sembra, Rocco Morabito si è nascosto. Un piccolo impero basato sullo spaccio di cocaina dalle più belle ville dell’America Latina alle villette a schiera della Lombardia, il tutto passando da Africo dove bunker e nascondigli hanno caratterizzato da sempre la famiglia.

“U Tamunga” riportano le cronache ufficiali, sarebbe giunto in Uruguay nel 2002 e lì si sarebbe installato a Punta del Este, una delle più note località turistiche dell’Uruguay.

Un presunto boss dalla vita normale, così hanno dichiarato sembre gli avvocati di Morabito.

Ad ora Rocco Morabito è in carcere ma se per qualche strano caso l’arresto venisse annullato prima che giungano i documenti per l’estradizione, il presunto boss potrebbe tornare libero in America Latina.

Il re della cocaina, così titolano in queste ore le maggiori testate internazionali, Rocco Morabito è stato arrestato.

Rocco Morabito è stato fermato domenica 3 settembre in un  hotel di Montevideoinsieme alla moglie, una 54enne angolana con passaporto portoghese. Il nome di  Morabito pare fosse quello di  Francisco Capeleto, una falsa identità brasiliana che gli aveva permesso di ottenere una carta d’identità uruguayana.  A Rocco Morabito sono stati confiscati una pistola, un coltello, due autovetture, 13 cellulari, 12 carte di credito e assegni in dollari.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *