Abiti da Sposa e tessuti: ecco alcuni consigli utili

Quando si sta per preparare un matrimonio si devono avere diversi aspetti e uno dei più importanti, almeno per la donna, è indubbiamente quello della scelta dell’abito da sposa.

Ecco che quando si guarda un abito da sposa andrebbe visto, oltre naturalmente il modello, la linea di vestibilità e il suo tessuto.

Nella scelta del tessuto un aspetto importante è legato anche al mese in cui ci si sposa ma anche alla città dove ci si sposa: città del sud, ad esempio come Palermo, hanno delle temperature buone quasi tutto l’anno, quindi anche ad ottobre e novembre, è utile stare attenti al tipo di tessuto scelto perchè non è scontato il fatto che ci siano giornate di freddo.

Grazie alla scelta del tessuto si può anche analizzare il capo nel suo insieme e valutarne anche il manufatto finale.

Oggi, grazie al contributo del negozio di abiti da sposa a Palermo di Maria Calderone scopriamo alcuni consigli utili nella scelta dei tessuti per l’abito da sposa.

Grazie ai diversi stilisti di tutto il mondo e alla distribuzione degli abiti per il matrimonio in tutto il mondo, possiamo suddividere i tessuti disponibili in 4 principali tessuti, tra cui i più conosciuti: il raso, il raso di seta, il pizzo o la seta.

Naturalmente ogni tessuto ha un proprio stile e una propria linea di produzione. I tessuti non sono adatti a tutte le stagioni quindi la scelta dipenderà anche dal periodo del matrimonio.

Al di là del fatto che ognuno ha i propri gusti, ci sono dei tessuti tra quelli elencati, che nel tempo non andranno mai di moda, perchè rappresentano quello che normalmente viene classificato come un classico abito da sposa.

Tra questi classici sicuramente troviamo: la seta, il tulle, l’organza, il raso, lo shantung, il taffetà, il pizzo, il crepes, lo chiffon.

Oltre alla stagionalità la scelta del tessuto è legato anche al risultato finale che si vuole raggiungere una volta indossato.

Tessuti per abiti da sposa in base alla stagione

Come consigliato dall’Atelier di Palermo di maria Calderone, esperta da anni in abiti da sposa e con alle spalle migliaia e migliaia di abiti da sposa venduti a Palermo e in tutta Italia, nella scelta del tessuto va analizzata anche la stagione in cui si andrà a svolgere il matrimonio.

Ad esempio in città come Palermo, dove le temperature d’estate sono molto calde, ma anche d’inverno non è raro vivere giornate con temperature alte (a Palermo ci sono natali in cui si sta in giro a maniche corte!), sbagliare il tessuto sarebbe qualcosa di veramente pesante: basta pensare ad un eventuale matrimonio con un abito da sposa pesante, come tessuto, e vivere il giorno del proprio matrimonio con temperature molto calde…. una tortura!

Tessuti estivi: sono quei tessuti per abiti da posa fatti con tele di fibra naturale come il cotone, per confezionare vestiti freschi e resistenti al calore.

Tessuti invernali: per questo periodo è preferibile scegliere come tessuto il morbido velluto, con particolare riguardo al velluto di seta.

Tessuti per mettere in risalto la figura: in questo caso è meglio scegliere stoffe leggere, che si adattano al corpo.

Alcune delle caratteristiche dei principali tessuti

Taffetà: il suo effetto ha vista è brillante.

Velluto: un tipo di tessuto elegante e morbido.

Satin nuziale: tessuto brillante e assolutamente resistente alle pieghe. Tra i tipi di tessuto è indubbiamente quello più utilizzato per confezionare un abito da sposa. Viene utilizzato tantissimo dalle aziende produttrici.

Shantung di seta: generalmente lo si trova in commercio in colore naturale, cioè, color crema chiaro o vaniglia. Non tutti i shatung di seta hanno la stessa qualità e, al fine di ottenere l’effetto “stropicciato”, è fondamentale prendere un tessuto di qualità.

Satin italiano: questo tessuto è brillante alla vista ma è pesante una volta indossato.

Satin di seta: questo tessuto è il classico perfetto adatto a tutti gli abiti da sposa, anche se è molto difficile da reperire di ottima qualità. Un abito con questo tessuto di qualità ha costi non indifferenti.

Organza brillante: il suo nome già dice (quasi) tutto, è un tessuto molto brillante.

Chiffon: questo tessuto di fatto non è adatto a creare un intero abito da sposa ma principalmente, per confezionare i veli e per fare drappeggi e plissé.

Quelli elecanti in precedenza sono i tessuti più utilizzati e indubbiamente non è una lista esaustiva ma l’obiettivo è quello di sottolineare l’importanza della scelta del tessuto dell’abito da sposa.

Naturalmente sia a Palermo presso il negozio sposa di Maria Calderone Atelier ma in generale sul mercato è possibile trovare anche altri tessuti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *