Cotolette di finocchi una ricetta vegetariana e di stagione

Cotolette di finocchi  una ricetta vegetariana e di stagioneLe cotolette di finocchi sono un secondo vegetariano. Croccanti e appetitose le cotolette di finocchi sono una ricetta vegetariana di stagione. Da servire con un’insalata o con un purè le cotolette di finocchi piacciono veramente a tutti, anche ai più piccoli.

I finocchi, che si trovano in commercio sin dall’autunno, contengono buone quantità di acqua che li rendono drenanti e diuretici. Ricchi di fibre e sazianti hanno poche calorie e sono adatti anche a chi segue un regime ipocalorico.

Dei finocchi si utilizza veramente tutto. Le barbe si possono trasformare in salse e creme ma sono l’ideale nelle minestre, nelle zuppe e nelle vellutate. Invece, i semi di finocchio si prestano a ricette salate e dolci e si impiegano anche in tisane digestive e carminative.

Cotolette di finocchi, la ricetta

La nostra ricetta delle cotolette di finocchi non prevede formaggi e salumi ma soltanto della noce moscata che regala profumo e sapore.

Ecco come preparare le cotolette di finocchi.

Ingredienti:

4 finocchi

2 uova

sale

pan grattato

noce moscata

latte intero

Mondiamo i finocchi, eliminando le foglie più rovinate e tagliando le barbe.

Laviamoli, scoliamoli e tagliamoli a fette di circa mezzo centimetro.

Portiamo a bollore poca acqua salata e lessiamo i finocchi per circa 5 minuti. Devono risultare morbidi ma ancora ben sodi; scoliamoli e aspettiamo che si freddino.

In una terrina capiente sbattiamo le uova con un pizzico di sale ed aggiungiamo mezzo bicchiere di latte e un pizzico di noce moscata. Giriamo bene ed immergiamo le fette di finocchi. Passiamole ora nel pan grattato, premendo con le mani in modo che aderisca bene su entrambi i lati. La panatura deve risultare ben compatta.

Sistemiamo le cotolette di finocchi su una teglia da forno precedentemente unta ed inforniamo in forno già caldo per 15 minuti a 180 gradi. Giriamo le fette e proseguiamo la cottura per qualche minuto fino a che non siano ben dorate.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *