Scandalosamente fuori! L’Incedit in Coppa perde per scorrettezza e negligenza altrui

Foggia Incedit LogoDoveva essere una partita tra squadre corrette, in campo e fuori; ed invece la gara è stata decisa da una scorretta e negligente decisione di altri, a tutto discapito del fair-play e proprio per responsabilità di chi questi principi dovrebbe insegnarli e applicarli in campo, un allenatore. A causa degli incresciosi comportamenti del tecnico dell’Atletico Orta Nova Alfredo Bertozzi e gli errori arbitrali del direttore di gara, il Foggia Incedit è stato condannato all’eliminazione dalla Coppa Italia Dilettanti. La partita si è conclusa con un falso risultato di 4 a 1 che sminuisce il valore del calcio, dello sport in genere e in particolare il valore sociale che in queste categorie deve predominare. Sul campo ospite I Canarini di Foggia hanno giocato a senso unico, riconfermando la prestazione di andata che li ha visti vincenti ma purtroppo alcuni fattori esterni al calcio hanno decretato l’amaro epilogo. L’Incedit è fuori dalla competizione di coppa, ma continuerà ad essere protagonista più che mai in quella di campionato. Tuttavia è doveroso da parte della società rilasciare alcune dichiarazioni.

«In trent’anni di calcio giocato e da quando sono allenatore non avevo mai assistito e subito una simile bassezza –dichiara il tecnico dell’Incedit Enrico La Salandra. Sappiamo bene che in ogni partita possa esserci agonismo, nervosismo e qualche colpo “basso”, ma mai avrei creduto che questo potesse partire da un collega. Anche davanti alla totalità dei suoi giocatori consapevoli di aver segnato la terza rete a seguito di un infortunio con giocatore a terra e squadre ferme, con un arbitro distratto e quindi una segnatura non meritata, mentre apprezzavamo il gesto di rimanere fermi alla ripresa del gioco da parte dei giocatori Ortesi, il sig. Enrico Bertozzi ha improvvisamente gridato ai propri difensori di fermare il nostro Bruno, che si stava avviando lentamente a depositare il pallone in porta per rimettere in equilibrio quanto era accaduto pochi minuti prima. Lo sgomento di noi tutti è stato totale. Nella partita di andata l’Orta Nova era stato accolto con il massimo dell’ospitalità e il tecnico da amico; ma se questo è il modo di interpretare il fair-play, la correttezza e soprattutto gli insegnamenti dei valori sportivi, allora farò meglio a smettere di fare sport perché- conclude La Salandra– comportarsi bene a questo punto non ha senso, davanti a questi “signori”».

«La società ASD Foggia Incedit non ci sta a subire questi soprusi e si rivolgerà agli organi federali –afferma Nico Palatella, Vice Presidente del Foggia Incedit-. Per la partita di coppa di ieri, vista la scandalosa condotta di gara sia dell’arbitro che dell’allenatore dell’Orta Nova, la dirigenza intende comunicare null’altro che il proprio rammarico e indignazione causati dalla totale mancanza di spirito sportivo, serietà e fair play. Ciò in occasione del terzo goal dell’Orta Nova, avvenuto con tutto l’Incedit e buona parte dell’Orta Nova fermi in campo per l’infortunio subito dal nostro giocatore Prencipe nei pressi dell’area della squadra di casa e successiva vergognosa azione del tecnico Alfredo Bertozzi che, nonostante la totalità dei suoi giocatori intendesse restituire la rete “rubata” all’Incedit, -conclude Palatella- ha improvvisamente chiesto ai suoi giocatori di riprendere a giocare mentre il nostro vice capitano Bruno stava lentamente accompagnando il pallone nella rete avversaria».

Domenica prossima, 10 dicembre 2017, come preannunciato nel precedente comunicato, per la decima giornata del campionato di Seconda Categoria Dilettanti, girone A, Puglia, i ragazzi di Mister La Salandra saranno impegnati nella difficile trasferta ofantina,  contro l’ASD Gioventù Calcio Cerignola, ferma a 13 punti e quinta in classifica, che vorrà riscattarsi della sconfitta di campionato. Forza Incedit e viva il vero sport!

I Canarini di Foggia son tornati in campo e voleranno.

Calcio ASD Foggia Incedit 1957

Ufficio Stampa & Comunicazione

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *