EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

CARBONIA FILM FESTIVAL CINEMA/LAVORO/MIGRAZIONE

giuriascuole_phFabioDongu

giuriascuole_phFabioDongu

Il Carbonia Film Festival – Cinema/Lavoro/Migrazioni saluta il 2018 con il lancio della date della prossima edizione, che si svolgerà dal 10 al 14 ottobre, e l’apertura del bando per le selezioni dei film concorso. Da domani 7 febbraio sarà possibile scaricare il testo del bando sul sitowww.carboniafilmfest.org, e accedere al modulo di iscrizione online con tutte le informazioni dettagliate. Il bando resterà aperto sino al prossimo 25 maggio.

Le due sezioni competitive sono dedicate a lungometraggi e cortometraggi, aperte a tutte le opere difiction e documentario sui temi che da sempre contraddistinguono il festival, legandolo a doppio filo con il territorio: migrazioni e lavoro. Lo scopo è quello di divulgare e promuovere la conoscenza attraverso storie che si rifanno a quelle tematiche, allargate in senso lato a tutte le limitazioni dei diritti fondamentali degli esseri umani.

Si riparte dai numeri della scorsa edizione: circa 600 opere arrivate da tutto il mondo per una selezione che ha portato al festival sedici film, otto lungometraggi e altrettanti cortometraggi, in anteprima nazionale, presentati e premiati nei maggiori festival internazionali (fra gli altri Berlinale, Locarno, Sundance, Tribeca), capaci di raccontare i temi del CFF attraverso forme nuove e inedite. E si prosegue sul solco della continuità, con la direzione artistica affidata ancora a Francesco Giai Via.

Il Carbonia Film Festival, biennale che quest’anno giunge alla sua IX edizione in programma dal 10 al 14 ottobre con anteprima sabato 6, è una manifestazione dal respiro internazionale organizzata e promossa dal Centro Servizi Culturali Carbonia della Società Umanitaria – Fabbrica del Cinema, insieme alla Cineteca Sarda.

Il concorso presenta da sempre il meglio della produzione legata ai temi del lavoro e della migrazione, forte di un ammontare complessivo dei premi che per questa edizione supera i novemila euro, divisi in sei categorie: tra gli otto lungometraggi che saranno selezionati in concorso, 4.000 euro per il Premio miglior film, 1.000 per il Premio del Pubblico, e 1.000 per il Premio Giuria Circoli del Cinema; tra i cortometraggi1.500 euro per il Premio Concorso Internazionale Cortometraggi, 500 per il Premio Giuria Cinema Giovani, e 500 per il Premio Giuria Scuole.

Possono partecipare al concorso lungometraggi di finzione, documentari e cortometraggi terminati dopo il 31 dicembre 2016. Le opere realizzate in lingua diversa da quella italiana devono essere sottotitolate in italiano o in inglese. I film possono avere già partecipato ad altri concorsi e festival.

 

 

IL FESTIVAL

Nato nel 1999 come Mediterraneo Film Festival, nel 2016 l’evento cambia nome e diventa Carbonia Film Festival. A cadenza biennale, il CFF si svolge nell’omonima città del sud ovest della Sardegna e ospita sezioni competitive internazionali dedicate a lungometraggi e cortometraggi, eventi speciali, mostre, concerti, masterclass. Fra i vincitori dell’edizione 2016: “El futuro perfecto” di Nele Wohlatz, “Il respire encore” di Anca Hirte, “Cameraperson” di Kirsten Johnson, “La Fille du patron” di Olivier Loustau.

A partire dal 2017 il Festival promuove inoltre l’evento “How to Film the World”, una quattro giorni che porta nel Sulcis prestigiosi registi internazionali per un dialogo con il pubblico e con un gruppo di giovani studenti e professionisti del cinema, selezionati attraverso il bando Programma Cinema Giovani.

Il Festival è una delle attività principali della “Fabbrica del Cinema”, un progetto promosso dalla Società Umanitaria e dal CSC di Carbonia, che da sempre mette al centro la formazione dei giovani alla memoria storica e alla valorizzazione del patrimonio audiovisivo del territorio e, contemporaneamente, l’educazione alle nuove forme cinematografiche, sia documentarie che di finzione. Il progetto Fabbrica del Cinema si è ulteriormente rafforzato nel 2017 grazie ad un finanziamento regionale volto all’attivazione nel territorio di una realtà cineportuale capace di sostenere la filiera audiovisiva. Grazie all’attivazione del cineporto sono già partiti i corsi di formazione sul Cinema e a breve verrà realizzata, presso la Fabbrica del Cinema, la sala cinematografica che potrà ospitare anche le proiezioni del Festival.

IL DIRETTORE ARTISTICO

A partire dal 2016, la direzione artistica del CFF è affidata a Francesco Giai Via, critico cinematografico e operatore culturale. Direttore di Annecy Cinéma Italien, lo storico festival francese dedicato al cinema italiano, Giai Via è consulente alla programmazione per la Mostra del Cinema di Venezia e Scout per ilVenice Production Bridge, la piattaforma industry del festival. Giai Via è inoltre Trainer e Scout per ilTorinoFilmLab, programma di formazione internazionale. La prosecuzione del progetto condiviso dalla Direzione e dagli enti promotori del Festival testimonia la volontà del CFF di ampliare il suo respiro internazionale, con uno sguardo agli esordi più promettenti e una solida base che punti tanto sulla qualità del linguaggio cinematografico quanto sull’urgenza dei temi affrontati dai film, senza dimenticare il radicamento sul territorio e il coinvolgimento della città di Carbonia, dei suoi cittadini e delle sue tante realtà sociali e culturali.

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION