EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

RUBINIA GIOIELLI: UN’AZIENDA ALL’AVANGUARDIA SULL’ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO

Rubinia Gioielli, azienda meneghina che da oltre 30 anni crea gioielli sartoriali,
ancora una volta dimostra di essere sempre in prima linea per dare il proprio
contributo sul territorio.
Con un occhio costantemente puntato su quelle che sono le problematiche
legate al mondo dei giovani, Rubinia Gioielli ha sempre investito sui ragazzi,
coinvolgendoli in moltissime iniziative, puntando sull’enorme potenziale della loro
forza creativa, per cercare di creare insieme un mondo migliore, collaborando
sempre con successo con le istituzioni scolastiche, dalle elementari, fino
all’università.
Due anni fa, Roberto Ricci, poliedrico fondatore dell’azienda orafa, insedia a
Pietrasanta, nel cuore della Versilia, il terzo concept store italiano: all’ombra del
campanile attribuito a Michelangelo Buonarroti, Rubinia diventa Lab. Infatti, lo
store accoglie al suo interno un Laboratorio, dove è possibile vedere all’opera un
maestro orafo, scelto tra i ragazzi del luogo formatisi al Liceo Artistico Stagio Stagi,
del I.I.S. Don Lazzeri/Stagi di Pietrasanta.
Da qui all’ideazione e realizzazione di un progetto di alternanza scuola-lavoro, che
coinvolgesse i giovani dello stesso Liceo, il passo è stato davvero molto breve.
Un progetto nato dall’esigenza di far emergere il know-how tutto italiano nell’arte
orafa, nel design e nel lusso. Un bagaglio di conoscenze che rischia di perdersi
proprio per la mancanza di progetti specifici rivolti ai giovani, in questo settore che
ha molto da dare, ma anche molto da ricevere dalla loro freschezza e dal loro esperienza.

Un progetto formativo, un’esperienza educativa e di crescita durante la quale i
ragazzi hanno avuto un assaggio di quella che potrebbe essere la loro vita
lavorativa ed il loro futuro.
Un progetto pilota che ha coinvolto gli studenti di 4 classi (le quarte e le quinte),
insieme a tutto i corpo insegnante che ha dimostrato grande coinvolgimento, per
l’intero anno accademico 2016-2017, nell’interpretazione delle diverse simbologie
di Pietrasanta, in base alle proprie specializzazioni: i ragazzi dell’indirizzo orafo
hanno realizzato dei punzoni per personalizzare gioielli, mentre gli alunni
dell’indirizzo figurativo, hanno decorato a mano delle sdraiette da spiaggia.
L’ambizioso progetto è culminato a giugno con la Festa d’Estate di Rubina Gioielli:
tre giorni d’arte in piazza Duomo, con il patrocino del comune – che ha accolto
questa esperienza con entusiasmo e partecipazione – durante i quali i giovani
hanno venduto le loro creazioni, per raccogliere fondi da destinare alla loro
scuola.
Grazie a questa proficua collaborazione tra Rubinia Gioielli ed i ragazzi di
Pietrasanta, sono stati raccolti 9.000 euro, devoluti interamente al Liceo Artistico
Stagio Stagi.
Visti gli ottimi risultati del primo progetto Rubinia ha deciso di riproporre il progetto,
firmando con la scuola una convenzione di tre anni, in modo da coinvolgere tutti i
ragazzi del triennio, ed accompagnare quelli del terzo anno fino alla fine del loro
percorso scolastico.
205 studenti di 12 classi del triennio, coinvolti ognuno per 60 ore l’anno, per un
totale di 12.300 ore, realizzeranno tutta una serie di oggetti di design, in base alle
proprie competenze. Si impegneranno nelle operazioni di marketing legate alla
comunicazione ed alla commercializzazione degli oggetti, e si prepareranno per
la II edizione della Festa d’Estate di Pietrasanta (8-10 giugno 2018) durante la
quale saranno in prima linea per la raccolta fondi.
Inoltre, quest’anno sarà devoluta una borsa di lavoro allo studente che dimostrerà
di eccellere nel progetto, che potrà vivere un’esperienza lavorativa della durata
di un mese in un luogo speciale.
L’obiettivo a lungo termine è quello di creare un format da riproporre sul territorio
italiano, in modo da dare al settore orafo nuova linfa vitale, ed ai giovani una
prospettiva per il futuro, che poi è il vero spirito che dovrebbe animare i progetti di
alternanza scuola-lavoro

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION