EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

La principessa Lalla Hasnaa al Women’s Forum Canada: “La voce delle donne deve essere sentita”

Toronto – Il potenziale trasformatore della leadership femminile è “una carta grande vincente nell’azione globale per il clima. Le donne lo testimoniano ogni giorno, per il loro impegno, la loro perseveranza e le loro realizzazioni sul campo” ha sottolineato, giovedì 10 maggio, la principessa marocchina Lalla Hasnaa, presidentessa del Fondazione Mohammed VI per la protezione dell’ambiente, in un’allocuzione presentata nella conferenza Women’s Forum che si è tenuta dal 10 al 11 maggio a Toronto, in Canada sotto il tema: “Colmare il fossato: un appello al G7 per un progresso inclusivo”.
La sorella del Re Mohammed del Marocco ha preso parte alla seduta plenaria, in una platea gremita da circa 700 leader, uomini e donne, dei paesi del G7, di cui il tema era “lavorare insieme sul cambiamento climatico, gli oceani e l’energia”, e durante la quale la leader africana nella lotta per l’ambiente ha pronunciato un discorso impegnativo mettendo in evidenza il ruolo della madre come attore del cambiamento. Ha reso anche un vivo e sostenuto omaggio alla lotta delle donne del Sud del mondo, in particolare quello condotto dalla donna africana.
Lalla Hasnaa ha, inoltre, ricordato che il Marocco è impegnato oggi nei cantieri promettenti ed inediti di sviluppo delle energie pulite, di protezione del litorale e di salvaguardia degli ecosistemi fragili, particolarmente gli oasi”.
La principessa ha tuttavia sottolineato “la fortuna” del Marocco di beneficiare di un quadro legale ed istituzionale sempre più favorevole alla causa ambientale. “Il Marocco si è dotato altresì di una Carta nazionale avanzata in questi settori. E l’interesse dei cittadini per la questione climatica è crescente senza tregua, particolarmente dalla presidenza marocchina della COP22 a Marrakech nel 2016”, ha sostenuto.
La voce delle donne deve essere sentita. È un’esigenza di giustizia e di uguaglianza. È anche un imperativo d’efficacia, perché l’esperienza mostra che nessuno progresso inclusivo o duraturo può accadere senza le donne che siano attrici e beneficiarie.
Lalla Hasnaa ha affermato di condurre, sia come madre o attraverso la Fondazione Mohammed VI per la protezione dell’ambiente, un lavoro d’educazione e di sensibilizzazione al servizio dello sviluppo duraturo volto in modo prioritario ai bambini ed ai giovani: “Conduciamo instancabilmente il nostro lavoro d’educazione e di sensibilizzazione di tutti, bambini, adulti, organizzazioni, società civile, enti pubblici. E noi abbiamo sempre la ferma convinzione che alla fine dello sforzo, riusciremo la nostra scommessa”.
Nello stesso evento Lalla Hasnaa ha assistito ad un incontro intitolato “azioni climatiche inclusive: resoconti delle prime linee”, dove è stata chiarita l’importanza della lotta contro le irregolarità climatiche e la necessità della coniugazione degli sforzi per arrivare ai risultati concreti per il benessere del pianeta e dell’umanità.
A Toronto, dove il Women’s Forum Canada fa sentire la sua voce formulando delle raccomandazioni che va trasmettere al G7, la Principessa Lalla Hasnaa ha portato così il messaggio della sua Fondazione e del suo paese in favore dello sviluppo duraturo.
Leader riconosciuta nel mondo per il suo impegno a favore dell’ambiente, Lalla Hasnaa è stata invitata dal Forum a Toronto per testimoniare di questo ruolo e di quello delle donne nelle trasformazioni delle società.
Lalla Hasnaa che milita per l’ambiente dal 1999, concreta e prammatica, ha portato la sua Fondazione nelle file di un’istituzione sicura in Africa ed in Mediterraneo, oggi partner delle grandi istituzioni mondiali come l’UNESCO, ONU Ambiente, FAO, ISESCO e non solo.
Da ricordare che il 29 aprile, riuniti nel primo summit della Commissione Clima del Bacino del Congo a Brazzaville i Capi di Stato e di governo del Regno del Marocco, Angola, Camerun, Repubblica centrafricana, Repubblica del Congo, Repubblica democratica del Congo, Gabon, Guinea equatoriale, Kenya, Ruanda, Sao Tomé e Principio, Ciad, Zambia, Niger, Guinea e Senegal hanno nominato la principessa marocchina Lalla Hasnaa Ambasciatrice di buona volontà della Commissione Clima del Bacino del Congo e del Fondo Blu per il Bacino del Congo.
Il Women’s Forum Canada, riunisce circa 700 politici, istituzionali, capi di impresa influenti dei paesi del G7 e oltre, e apporta distintamente un punto di vista femminile per abbordare le questioni riguardo l’insieme dell’umanità.

About the author

Yassine Belkassem, marocchino italiano, già pubblicista con www.stranieriinitalia.it, e Almaghrebiya, attualmente collabora con NotizieGeoplotiche.nete Ajialpress.com testata marocchina. Per Mediterranews cura aggiornamenti dal Marocco e non solo

Related

JOIN THE DISCUSSION