EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Pompe antincendio: quale modello scegliere

Un impianto antincendio deve essere altamente performante, in modo da garantire una risposta veloce e la giusta quantità di acqua, affinché l’incendio possa essere spento nel minor tempo possibile mettendo in sicurezza l’edificio, tutte le persone presenti al suo interno, tutti i beni, facendo quindi in modo che le conseguenze dell’incendio non siano poi così gravose. Affinché questo obiettivo possa essere raggiunto in modo semplice, le normative sugli impianti antincendio vengono anno dopo anno revisionate, modificate e aggiornate, per consentire la realizzazione di impianti che possano davvero dirsi performanti e capaci di garantire la giusta protezione ad ogni tipologia di edificio.

Riuscire a stare dietro ai continui cambiamenti delle normative antincendio è difficile, ce ne rendiamo perfettamente conto, e proprio per questo motivo è a nostro avviso di fondamentale importanza fare affidamento solo ed esclusivamente su dei professionisti del settore con anni di esperienza alle spalle, debitamente formati e debitamente aggiornati. In questo modo voi non dovrete pensare a niente e sarà questo referente a prendersi cura quindi della vostra sicurezza al meglio. Affidandosi a dei professionisti, saranno loro a scegliere la tipologia di pompa più adatta per le vostre esigenze, ma è comunque importante sapere, almeno a grandi linee, che cosa la normativa vigente dice a proposito delle pompe antincendio che sono il cuore stesso del sistema antincendio che andrete a realizzare.

Le pompe antincendio devono essere di alta qualità, molto performanti, capaci di resistere a lungo nel tempo, realizzate preferibilmente, è ovvio, dalle migliori marche del settore. Devono però anche essere a norma e pensate per rispondere al meglio alle esigenze di quello specifico edificio. Ecco le regole da seguire per la loro scelta. Le pompe antincendio migliori sono quelle centrifughe ad asse orizzontale, con installazione sottobattente. Sono le migliori perché sono davvero molto semplici da smontare e perché consentono un accesso agli organi della pompa immediato, dato che non vi è la necessità di smontare alcun pezzo. Essendo le migliori, la normative oggi vigente afferma che siano proprio queste le pompe che devono assolutamente essere scelte.

Nel caso in cui un’installazione sottobattente non fosse possibile, la normative consiglia di optare per una pompa verticale a flusso assiale, con la parte idraulica quindi sommersa. Questa pompa è meno rischiosa rispetto alle altre pompe con installazione soprabattente oggi disponibili, capace quindi di garantire un adeguato apporto di acqua quando necessario. Il problema però con questa e con le altre installazioni simili è la difficoltà di accedere alla pompa sia per controllare il suo funzionamento che per sottoporla alle opere di manutenzione necessarie a mantenere intatta la sua funzionalità.

Adesso che avete un’idea di quali siano le tipologie di pompe antincendio che è preferibile scegliere, non vi resta che richiedere qualche preventivo online e scovare la realtà che vi offre il miglior rapporto tra qualità e prezzo e le pompe in assoluto migliori, più innovative e tecnologiche. Tra le molte realtà che rispondono a queste caratteristiche, e a cui vi consigliamo quindi caldamente di chiedere un preventivo, dobbiamo ricordare FourGroup, leader nel settore delle pompe per l’acqua per autoclave e impianti antincendio, nonché leader nel settore della trasformazione dell’energia elettrica.

About the author

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related

JOIN THE DISCUSSION