EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Italia fuori dai mondiali? A vincere è la salute

Mancano ormai pochissime ore al calcio di inizio dei Mondiali di Russia. E se tra i tifosi di tutto il globo l’ansia e l’eccitazione sono alle stelle, diversa è la situazione in Italia, dove per gli appassionati di pallone (compresi quelli che si scoprono tali una volta ogni quattro anni) resta solo tanta amarezza e delusione, dopo l’infausta serata del 13 novembre che ha visto gli Azzurri perdere contro la Svezia in fase di qualificazioni.

 

A confortare gli animi in questi giorni difficili ci pensa Top Doctors® (www.topdoctors.it), la piattaforma online che seleziona e mette a disposizione degli utenti un panel formato dai migliori medici specialisti di tutto il mondo, spiegando che, in fondo, l’esclusione della Nazionale, in un certo senso, fa bene al… cuore: niente tachicardia durante le partite dall’esito incerto, tante ore di sonno guadagnate e addio a birrette e junk food davanti alla TV.

Il Dott. Pietro Delise, Specialista in Cardiologia e Medicina dello Sport di Top Doctors, ha infatti commentato: “Assistere a una partita di calcio nella veste di tifoso, che soffre nel sostenere la propria squadra, crea senza dubbio uno stato emotivo di eccitazione che accelera il battito cardiaco e aumenta la pressione arteriosa. In soggetti normali queste alterazioni cardiocircolatorie non danno conseguenze rilevanti. Ma in soggetti con cardiopatia (nota o ignorata dal soggetto) in queste situazioni si possono scatenare crisi cardiache di vario genere”.

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION