EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

“SEXSTORSION”: I consigli della Polizia di Stato

Una delle ultime trovate in tema di reati informatici, che purtroppo sta facendo, anche in provincia di Oristano, diverse vittime, è la cosiddetta “Sexstorsion”, una vera e propria estorsione che avviene tramite la rete internet, e i cui autori sono molto difficili da individuare in quanto, di solito, si trovano all’estero e in Paesi anche molto lontani.

Le modalità dell’estorsione sono le seguenti:

solitamente tramite un social network, il più comune è il diffusissimo “Facebook”, la vittima, generalmente di sesso maschile, viene contattato da giovani donne che spesso si spacciano per “vedove” o comunque “single” in cerca di amici, che instaurano una piacevole conversazione.

Carpita la fiducia l’utente viene invitato ad effettuare una video chiamata, solitamente sulla chat di messaggistica istantanea di Skipe o altre e, durante la conversazione la donna si spoglia e inizia a compiere atti espliciti di natura sessuale invitando l’interlocutore a fare altrettanto.

Quest’ultimo, ignaro di essere registrato, aderisce alla richiesta.

Subito dopo la fine della video chiamata l’utente viene contattato e minacciato che, nel caso in cui non avesse pagato una determinata somma di denaro, il filmato intimo sarebbe stato pubblicato nel suo profilo facebook e diffuso su internet coi sui dati personali.

A questo punto ha inizio la trattativa e il più delle volte il malcapitato, al fine di evitare la pubblicazione del suo video su internet, paga la somma pattuita;

Può accadere che il cyber criminale che si trova dietro l’account fasullo possa continuare con le sue richieste estorsive.

I tentativi di porre in essere detta estorsione sono purtroppo numerosi, e spesso vanno a buon fine. Su alcuni casi segnalati nella provincia sono in corso indagini da parte della locale Squadra Mobile.

Alla luce di ciò si vuol sensibilizzare gli utenti di internet circa i rischi dell’uso inconsapevole della rete e sul pericolo di adescamento in ambiente virtuale.

La Questura invita i fruitori del web a diffidare di ogni richiesta di inoltro di dati personali, documenti e filmati che ritraggono la persona nella sua intimità, evitando inoltre di accettare amicizie da sconosciuti e video-chat di qualsiasi tipo con persone non note.

Particolare attenzione deve essere riposta nei confronti dei minori che potrebbero essere più facilmente cadere nelle diffuse “Trappole” della rete.

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION