EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Il melone frutto dell’estate Ecco perchè fa bene

Il melone è dissetante e rimineralizzante. Da assaporare durante tutto l’anno il melone contiene molta acqua e vitamine. Al momento dell’acquisto è bene privilegiare i frutti più profumati che abbiano ancora il picciolo attaccato.

Il melone, perché fa bene

Idratante, dissetante ed ipocalorico. Il melone apporta buone percentuali di acqua e sviluppa circa 34 calorie ogni 100 grammi. Contiene minerali come il ferro, il fosforo ed il potassio e vitamine come la C, quelle del gruppo B e betacarotene.

La presenza di acqua e di fibre rende il melone ideale per saziare velocemente e a lungo e per contrastare la stitichezza. E’ facilmente digeribile e si può consumare come spuntino fresco perché ha pochi zuccheri.

Inoltre, favorisce la diuresi e contrasta la ritenzione idrica.

Il melone, come sceglierlo e consumarlo

Esistono molte varietà di melone come quello i retati ed il Cantalupo che si contraddistingue per il forte profumi. Invece, quelli invernali hanno la buccia di colore verde intenso o giallo e si conservano per tutto il periodo freddo.

Al momento dell’acquisto meglio preferire quelli con la buccia lucida e priva di macchie. Il picciolo dovrebbe essere ancora attaccato e il grado di maturazione si può stabilire annusando i frutti. Se il profumo è intenso e piacevole il melone è pronto da consumare.

Se intero di conserva in un luogo fresco ed asciutto mentre a fette si tiene in frigorifero dopo averlo protetto con della pellicola trasparente.

Per pulirlo al meglio è consigliabile prima eliminare tutta la buccia, tagliarlo a metà e privarlo dei semi. Successivamente si possono ricavare le singole fettine.

Il melone si utilizza per moltissimi dolci come gelati, crostate e confetture. I più maturi vengono impiegati per produrre un liquore denso e profumato, da servire ghiacciato.

E’ l’ideale anche per ricette salate come risotti ed insalate ma si abbina molto bene con i formaggi ed i salumi.

Di questi frutti si possono consumare anche i semi dopo averli fatti essiccare al sole o al forno.

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION