EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Sardegna: la burocrazia blocca le imprese

Il peso della burocrazia sarda frena la ripresa economica e le imprese. Adempimenti e obblighi che mettono la Sardegna tra le regioni meno virtuose d’Italia. Matzutzi (Confartigianato Sardegna): “Applicare le leggi vigenti per eliminare i costi occulti che mettono le realtà fuori dal mercato”. Il dossier di Confartigianato.

 

E’ un peso ingombrante, opprimente, quasi schiacciante quello della burocrazia in Sardegna che, attraverso leggi, leggine, scartoffie, regolamenti, cavilli, decreti, formulari e riforme, interferisce, rallenta o blocca la maggior parte dei bandi, concorsi, provvedimenti e atti a sfavore di aziende, imprenditori, dipendenti, produzioni e sviluppo economico. Nonostante i notevoli passi avanti compiuti dalla Regione negli ultimi anni, per tagliare tempi, carte e certificazioni, il più delle volte inutili e già nelle disponibilità delle Amministrazioni, i numeri dell’Isola parlano chiaro: 3.806 giorni per arrivare al termine di un processo tributario e 1.378 per vedere la conclusione di uno civile, 65 per essere pagati dalla Pubblica Amministrazione (anche se solo pochi anni fa si poteva arrivare anche a 36 mesi), 4 anni e mezzo, in media, per vedere conclusa un’opera pubblica, senza tener conto, per esempio, della lunghezza delle code negli uffici, dell’esiguità della pratiche svolte on line, dei tentativi di corruzione o dell’indice della qualità del governo di un territorio. E il conto è salatissimo: in media circa 7mila euro a impresa, secondo calcoli nazionali di 3 anni fa.

La burocrazia è un vero costo occulto cui i nostri imprenditori devono sottostare ogni giorno – denuncia Antonio Matzutzi, Presidente Regionale di Confartigianato Imprese Sardegnache non è dovuto al mercato, ma allo Stato e alle sue articolazioni. Ogni giorno, le imprese devono letteralmente “rubare” tempo al lavoro per districarsi dal labirinto di migliaia di atti normativi. Riconosciamo il lavoro fatto, come per esempio nel caso del SUAP, per la maggioranza delle attività produttive, e del SUAPE, per alleviare le “pene burocratiche” alle imprese delle costruzioni, ma ancora non basta”.

Quello della burocrazia nostrana, che pone l’Isola al 6° posto nazionale, dopo Sicilia, Calabria, Campania, Basilicata e Puglia, è un fardello descritto nel rapporto “Indice Confartigianato della Burocrazia per regione”, realizzato dall’Osservatorio di Confartigianato per le MPI.

Il dossier ha analizzato sette indicatori di pressione burocratica: Tempi della giustizia civile, Tempi della giustizia tributaria, Tempi di pagamento degli enti pubblici, Lunghezza delle code in uffici che erogano servizi, Durata opere pubbliche, Corruzione ed Assenteismo per malattia dei dipendenti pubblici.

La classifica attribuisce valori più elevati alle regioni con una maggiore pressione della burocrazia sulle imprese e dove sono più carenti le tutele dei diritti delle realtà produttive in campo civile e tributario, le condizioni di accesso ai servizi, l’efficienza delle imprese che gestiscono servizi pubblici locali, è di più bassa qualità la governance pubblica ed è minore l’uso delle tecnologie digitali. I primi sei posti della classifica regionale del maggior peso della burocrazia sono occupati da regioni del Sud e delle Isole. In generale la ripartizione del Mezzogiorno presenta un valore dell’Indice della burocrazia superiore del 48,2% a quello del Centro-Nord.

Nel dettaglio regionale il più alto valore è l’802,6 della Sicilia, seguito dal 786,5 della Calabria, dal 725,4 della Campania, dal 678,1 della Basilicata, dal 673,9 della Puglia, dal 673,3 della Sardegna e del Lazio con un valore dell’indice pari a 670,0. Complessivamente il Mezzogiorno guida la classifica con un valore pari a 704,9 e stacca il Centro con un indice pari a 572,7 seguito dal Nord-Ovest con 438,0 mentre il Nord-Est con 384,5, valore dimezzato rispetto al Mezzogiorno, si afferma come la ripartizione dove la burocrazia è relativamente meno limitante. Quindi, i primi sei posti della classifica regionale sulla burocrazia sono occupati da regioni del Sud e delle Isole.

Il Burosauro, nonostante le buone intenzioni di ogni Governo, nazionale o regionale appena insediato – prosegue Matzutzi da sempre ha trovato in Italia l’habitat ideale per sopravvivere e rigenerarsi, anche attraverso l’accrescimento e la moltiplicazione delle competenze delle Amministrazioni, degli Enti e di ogni pubblico ufficio. A queste problematiche poi si aggiunge la “burocrazia difensiva”, ovvero la paura di sbagliare di un funzionario, dirigente o dipendente di fronte all’interpretazione di una norma, che di fatto blocca o rallenta tutto”.

Solo pochi anni fa, un calcolo dell’Osservatorio sulla burocrazia di Confartigianato, stimò in quasi 31 miliardi di euro il costo della burocrazia sopportato dalle imprese italiane, equivalenti a 2 punti di PIL.

Questo peso nel nostro Paese è molto più elevato rispetto alla media dei Paesi dellUnione europea – rimarca il Presidenteanalisi confermata anche dai dati di Eurobarometro della Commissione europea, che evidenzia come nel 2017 la complessità delle procedure amministrative sia stata ritenuta un problema nellattività dellazienda dall84% degli imprenditori in Italia, oltre venti punti superiore al 60% della media Ue”.

Sulla complessità degli adempimenti burocratici e la conseguente incertezza nello svolgimento dell’attività di impresa, pesa l’enorme mole di leggi nel nostro Paese. Una ricerca in “Normattiva”, il portale della legge vigente dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, evidenzia che al 6 giugno 2018 sono vigenti 136.987 atti normativi pubblicati negli ultimi cento anni, dal 6 giugno del 1918.

A tal proposito va evidenziato come l’Indice Confartigianato della Burocrazia mostra una forte correlazione negativa con il PIL pro-capite a valori correnti associando un maggiore peso della burocrazia alle regioni – fenomeno prevalente in quelle meridionali – con un minore reddito per abitante e generando una spirale di burocrazia e bassa crescita.

Di leggi anti-burocrazia ne esistono anche troppe – conclude Matzutzibisogna soltanto applicarle, farle rispettare, controllarne l’effetto e verificare il risultato percepito dalle imprese. Non c’è bisogno di fare nuove leggi, bisogna solo far funzionare quelle che esistono anche potenziando le competenze e l’“orientamento all’utente” dei funzionari pubblici. Insomma, per abbattere questo mostro bisogna semplificare la semplificazione”.

About the author

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related

JOIN THE DISCUSSION