EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Le macchine più belle del mondo presentate al salone di Parigi

Mondial Paris Motor Show 2018. Per 10 giorni, esattamente dal 4 al 14 ottobre, la meravigliosa capitale francese è il centro del mondo per tutti gli appassionati delle quattro ruote e questa edizione festeggia anche il centoventesimo compleanno dell’evento. Ben poche altre manifestazioni nel campo possono contare su una storia così longeva, motivo di prestigio e di orgoglio per gli organizzatori.

Come per ogni edizione possiamo davvero dire che nei saloni sono passati alcune di quelle che possiamo considerare le macchine più belle del mondo per la gioia di tutti gli appassionati, anche quelli che non potranno mai permettersi delle super car ma che saranno comunque immensamente felici di averle potute vedere con i propri occhi.

Se dunque dobbiamo parlare di macchine da sogno non possiamo che cominciare con il cavallino rampante Ferrari. A Parigi la casa di Maranello ha portato due modelli, le Monza SP1 e SP2, due vetture icona dello stile e della classe Ferrari e, perché non sottolinearlo, anche del made in Italy. Stiamo parlando di modelli che saranno disponibili in soltanto 499 esemplari ed avranno un prezzo di 1.6 milioni di euro a listino e dunque non proprio adatte ai portafogli di tutti. Rimangono due auto che una volta viste rimangono davvero impresse per sempre grazie alle loro linee che uniscono reminiscenze degli anni ’50 alle più evolute tecnologie di costruzioni attuali.

Altro marchio prestigioso quello di Porsche che nell’occasione ha confermato l’addio definitivo alla motorizzazione diesel. A Parigi è possibile ammirare il Macan 2019, un SUV, e la nuova 911 Speedster. Anche quest’ultima sarà prodotta in numeri limitati, esattamente 1948.

Rimanendo in Germania, BMW ha scelto il Mondial Paris Motor Show per presentare in anteprima la rinnovata serie 3 che sarà disponibile soltanto dal 9 marzo 2019. Nonostante il mercato delle berline sia in costante calo in fatto di vendite, la Bayerische Motoren Werke non ne vuol sapere di abbondare questo segmento di mercato. La nuova serie 3 è stata rivista esteticamente se pur ovviamente si mantenga ancorata alle scelte che da sempre hanno contraddistinto queste vetture. Insieme alle Serie 3, Parigi ha potuto ammirare anche la nuova Z4, la spider da sogno rivista soprattutto in fatto di sistema di info telematica di bordo. Al debutto europeo infine la X5, la nuova proposta di BMW in fatto di SUV.

Ad ogni evento automobilistico, si fanno sempre più strada modelli elettrici ed Audi ha scelto l’evento per presentare nel vecchio continente il suo primo modello full electric chiamato e-tron. Il SUV è già disponibile in California dallo scorso settembre mentre arriverà in Europa all’inizio del nuovo anno. Da segnalare la sua autonomia che giunge alla ragguardevole cifra di 400 chilometri con tempi di ricarica molto elevati: in mezz’ora si ripristina infatti ben l’80% dell’autonomia. Interessanti anche le sue dimensioni, molto al di sopra degli standard dell’elettrico: lunga poco di 5 metri, larga 1,93 centimetri e alta 1,61.

Audi non sono ha realizzato questo mezzo davvero molto interessanti ma con altri grandi nomi dell’industria automobilistica (per la precisione Ford, Daimler, Porsche e Volkswagen) ha creato una società chiamata Ionity per installare 400 stazioni da 6 postazioni per ricarica ultrarapida entro il 2020 in tutta Europa.

Dopo tanta Germania, passiamo ad occuparci dei padroni di casa. É stato soprattutto il gruppo PSA a portare tante novità per il suo brand di lusso, DS. Molto interessanti in particolare la DS3 Crossback e la DS 7 Crossback E-Tense 4×4. La prima è un modello completamente elettrificato del noto crossover mentre il secondo propone una soluzione ibrida già adottata con successo dalla Peugeot 3008 Hybrid4. Anche PSA ha specificato che in un futuro prossimo tutta la sua gamma verrà elettrificata. Il dado oramai è tratto dunque.

Parlando di elettrica, merita di essere messa in evidenza l’azienda precursore del settore: la Tesla. Nonostante qualche problema di troppo per il fondatore Elon Musk, la società a Parigi ha portato la Model 3 che propone un prezzo inferiore rispetto alle precedenti edizioni. Si era parlato di una Tesla “popolare” ma in realtà difficilmente nel nostro paese si riuscirà a pagare meno di 50.000 euro, un prezzo dunque non proprio per tutti ma che segna comunque il trend di un elettrico che vuole allargarsi nei tempi più rapidi possibili ad un numero di consumatori molto più elevato e non solo ad una nicchia ad oggi ancora davvero molto ristretta.

Parliamo anche di produttori asiatici con il marchio di lusso di casa Toyota: Lexus. La nostra attenzione è stata catturata, tra i vari modelli presenti, dalla LC Yellow Edition. Dotata di un motore ibrido e anch’essa prodotta in un numero limitato di modelli, la sua colorazione vistosamente gialla e le sue linee la fanno sembrare una vettura appena uscita da un videogame di corse per la felicità di tutti quei giovani appassionati sia di quattro ruote che di console per videogiochi.

About the author

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related

JOIN THE DISCUSSION