Società

Il coraggio della denuncia: Rita Atria

rita atriaRita Atria, in un caldo pomeriggio di fine luglio si uccide, è lei, è il suo diario, è la sua vita che hanno “La Siciliana Ribelle”. Rita nasce a Partanna nel 1974 e muore suicida un pomeriggio del 26 luglio 1992 a Roma. La vita della giovane è scandita dalla guerra di mafia che negli anni 80 insanguina la Sicilia, siamo infatti nel pieno di quella che investigatori e studiosi del fenomeno chiamano la seconda guerra di mafia, per questo motivo a soli unici perde il madre Vito, noto mafioso della famiglia Partanna, Rita, giovanissima si lega affettivamente a Nicola Atria, suo fratello maggiore e a Piera Aiello, Nicola è un mafioso ma si fida della piccola Rita, lei sa tutto, sa ogni movimento criminale di Partanna e non solo, ma, nel 1991 Nicola viene ucciso per mano mafiosa. Rita si trova in un baratro, Piera Aiello decide di collaborare con la giustizia, e Rita a soli 17 anni decide si seguire la cognata Piera entrambe fondamentalmente cercano giustizia per quegli omicidi. Il primo a raccogliere le dichiarazioni di Rita sarà Borsellino, da cui partono indagini importanti tra cui quelle verso   Vincenzino Culicchia, per trent’anni sindaco di Partanna. Rita si fida dei magistrati del pool dell’antimafia, e male accoglie il colpo dell’attentatuni, ancora peggio accoglierà quello della strage di via d’Amelio infatti nella località segreta dove Rita era protetta, a Roma, si uccide, lanciandosi dal 7mo piano.

Per Rita Borsellino è una figura di riferimento ed anche Falcone non è da meno ecco cosa scrive sul suo tema di maturità in merito alla strage di Capaci “L’unica speranza è non arrendersi mai. Finché giudici come Falcone, Paolo Borsellino e tanti come loro vivranno, non bisogna arrendersi mai, e la giustizia e la verità vivrà contro tutto e tutti. L’unico sistema per eliminare tale piaga è rendere coscienti i ragazzi che vivono tra la mafia che al di fuori c’è un altro mondo fatto di cose semplici, ma belle, di purezza, un mondo dove sei trattato per ciò che sei, non perché sei figlio di questa o di quella persona, o perché hai pagato un pizzo per farti fare quel favore. Forse un mondo onesto non esisterà mai, ma chi ci impedisce di sognare. Forse se ognuno di noi prova a cambiare, forse ce la faremo.” Rita Atria, la siciliana ribelle è definita una eroina, anche perchè Rita scegliendo la Giustizia rinuncia a tutti, anche alla madre che, ricordiamo non solo la ha ripudiata ma ne ha distrutto la tomba.

Tag

Hamlet

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close