EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Il ministro Brunetta si sposa a Ravello.

Dopo il matrimonio del ministro Mara Carfagna con Marco Mezzaroma, domenica 10 Luglio salirà all’altare il mitico ministro Brunetta e la signorina Titti Giovannoni. Anche questo sarà un matrimonio da favola: scenografia dell’evento la città di Ravello, in provincia di Salerno. Altro che risparmi e lotta agli sprechi!Come invece il ministro dice un pò ovunque.

Splendida e suggestiva, di grande effetto, la scelta del ministro Renato Brunetta di celebrare e di pronunciare il fatidico “si” a Villa Rufolo (la Villa, nota soprattutto per aver ospitato al suo interno mostre e festival, verrà chiusa per la prima volta per una festa privata). Generalmente, Villa Rufolo viene chiusa solo a Pasqua e Natale.

Il celebrante sarà l’ex sindaco di Ravello, nonché amico dello sposo: Secondo Amalifitano. Il ricevimento si terrà presso l’Hotel Caruso: uno degli alberghi più lussuosi di tutta la costiera. Il menu è ancora ignoto, eppure, si vocifera che i vini saranno tutti piemontesi e che si sposeranno perfettamente sui piatti della tradizione amalfitana: un connubio eno- gastronomico deciso, gustoso, piacevole. I vini scelti per l’occasione sono tutti di Gianni Gagliardo e i dolci, la torta nuziale sono invece del celebre pasticciere Sal De Riso. Nel corso della cena, e quindi durante la degustazione di tutta questa magnificenza e trionfo di portate, è quasi sicuro che ci sarà un’orchestra che farà da sottofondo a questo incanto, come la colonna sonora di un magnifico film romantico.

Il premier Silvio Berlusconi è l’ospite d’onore: risiederà nella villa che fu di proprietà del maestro Franco Zeffirelli. Berlusconi in quest’ultimo periodo è stato molto impegnato ma, sempre presente e pronto a dare onore, soddisfazione e stima, ai ministri che lo hanno invitato e reso partecipe della loro unione con i rispettivi “partners”. Le nozze si svolgeranno con classe, sobrietà, gusto, in pieno stile e secondo i canoni dei nubendi.

C’è da dire, però, che qualcuno (le associazioni dei precari e non solo) ha tenuto a precisare che la lista nozze scelta dagli sposi non rispecchia propriamente tali caratteristiche: è apparsa costosa e lussuosa, in certi casi, superflua e superficiale. Si pensa che sul “piede di guerra” il 10 Luglio arriveranno a Ravello: le associazioni dei precari ed anche alcune sigle sindacali della Polizia di Stato.

Manuela D’Andrea

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION