EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Pangea: passato, presente, futuro.

Pangea è il nome attribuito al continente primordiale da Alfred Wegener, geologo tedesco, nei primi anni del ‘900, nella sua teoria della deriva dei continenti.  Egli fu attirato da una strana coincidenza: la forma della costa occidentale del continente africano e quella della costa orientale del continente sudamericano combaciavano perfettamente. Wegener, a conferma della sua teoria, portò altre prove, quali la natura geologicamente simile delle rocce dei continenti che idealmente si incastravano e alcuni ritrovamenti fossili del rettile Mesosaurus e della felce Glossopteris , distribuiti in fasce che abbracciavano i due continenti e che facevano ipotizzare che in passato fossero uniti in un solo continente.

Nonostante queste prove la sua teoria fu ritenuta bizzarra e non venne accettata. Questa bocciatura è dovuta alle poche disponibilità di mezzi e conoscenze che si avevano ad inizio ‘900, per cui Wegener non potè spiegare come e perchè Pangea si divise in vari continenti e quale fosse la causa di questi spostamenti successivi. Oggi, con lo sviluppo di strumenti e tecnologie, si è potuto dimostrare ciò che lo scienziato tedesco affermava, anzi, la teoria ipotizza anche l’esistenza antecedente di altri supercontinenti. A partire da 3 miliardi di anni fa (i valori sono approssimativi), abbiamo in successione:

Ur (3 Miliardi anni fa )

Kenorland (2.7 Miliardi anni fa)

Nema (1.8 Miliardi anni fa)

Columbia (1.8 – 1.5 Miliardi anni fa)

Robinia (1.1 Miliardi – 750 Milioni anni fa)

Pannotia (600 – 540 Milioni anni fa)

Oldredia (418 – 380 Milioni anni fa)

Euroamerica (300 Milioni anni fa)

Pangea era circondata da un vasto oceano Panthalassa, mentre l’ampia insenatura che separava parzialmente la parte settentrionale da quella meridionale prende il nome di Oceano Tetide. A cavallo del Triassico e del Giurassico (180 Milioni anni fa), a causa del processo della tettonica a zolle (modello scientifico sulla dinamica della crosta terrestre), questo super continente si suddivise in due parti: Laurasia a nord e Gondwina a sud. A loro volta, nel corso di milioni di anni, si suddivisero ulteriormente fino all’attuale conformazione terrestre.

Chistopher Cotese, geologo americano creatore del progetto Paleomap, premettendo che i suoi studi si basano sull’esame dei cambiamenti tettonici passati, essendoci ad oggi ancora troppe incognite su i sudetti cambiamenti riportati al futuro,  ipotizza che, fra 250 milioni di anni, i continenti si riuniranno formando Pangea Ultima. Le Americhe entreranno in contatto con l’Africa più a sud del periodo Triassico – Giurassico, con la Patagonia che si unirà all’Indonesia. Internamente si formerà l’Indo Oceano Atlantico (residuo dell’oceano Indiano e Atlantico). L’Oceno Pacifico circonderà Pangea Ultima, mentre l’antartide, si unirà con l’Australia, formando il nuovo Polo Sud.

About the author

Related

Rispondi a Natalio Annulla risposta

Comments

  • Gianni 25 luglio 2011 at 9:17 PM

    Salve! Ho letto con interesse ed entusiasmo il pezzo, veramente molto scientifico. Anche mi interesso di queste argomenti. Hai letto dei terremoti? L’Italia ultimamente si trova, a mio vedere, al centro di movimenti di alcune faglie. Sai qualcosa in merito?
    Gianni Leon

    Reply
    • Giuseppe 26 luglio 2011 at 9:55 AM

      Mi fa piacere che l’argomento è piaciuto. Purtroppo di Pangea nn è facile trovare riferimenti sul web, amenochè nn si acquisti un testo sull’argomento. Xò spero di essere stato esauriente su questo remoto passato 🙂

      Reply
  • Natalio 25 luglio 2011 at 9:19 PM

    Anche io la penso come Gianni, però mi aspettavo si affrontasse il problema dei vulcani.
    Complimenti!!! Spero di leggerti presto.

    Reply
    • Hamlet 25 luglio 2011 at 9:20 PM

      Grazie Gianni, Grazie Natalio, sono certa che il nostro Giuseppe saprà rispondervi 🙂 Stay tuned!

      Reply
    • Giuseppe 26 luglio 2011 at 9:59 AM

      Affiancare il discorso vulcani, iniziando dall’ipotetico supercontinente Ur datato 300 miliardi di anni fa, era troppo complesso, xò qualcosa sull’evoluzione vulcanologica si può tentare. Chiaro che nn sarò scientifico al 100%, xò provarci nn costa niente 😉

      Reply
  • Grecia, forti scosse sismiche percorrono il Peloponneso | Mediterranews 14 settembre 2011 at 7:28 AM

    […] scossa sismica invece nel Peloponneso, dove stamane alle  6.35 locali (le 5.35 italiane) si sono registrate scosse di magnitudo 5,5, una […]

    Reply
    • Giuseppe 14 settembre 2011 at 8:58 AM

      Le coste occidentali della Grecia, sono soggette a terremoti, perchè è presente una estesa faglia sismica. Se si va sul seguente sito, si potrà vedere in maniera dettagliata la mappa delle faglie del mediterraneo.

      http://diss.rm.ingv.it/GFMaplet3_INGV/GFMaplet/Default

      Ricordiamo, però, che a volte, l’attivazione di una faglia sismica, può creare una perturbazione che attiva altre faglie, causando altri terremoti anche di leggera entità.

      Reply
      • Acquario 16 settembre 2011 at 9:04 PM

        grazie…della raccomandazione ….sei un esperto???se sì..collabori con noi???

        Reply
  • ATLANTIDE: MITO O REALTA’? | Mediterranews 15 settembre 2011 at 2:04 PM

    […] Mare del Nord. Si potrebbe pensare che Atlantide fosse tutto un intero continente (la mitica Pangea), ma nell’ultimo periodo della sua esistenza, rimase solo un’isola poiché aveva già subito […]

    Reply
  • Nasa: la cometa 103P/Hartley 2 è ricca di acqua. Così sono nati gli oceani del Pianeta Terra | Mediterranews 6 ottobre 2011 at 11:10 AM

    […] recenti studi dimostrerebbero che all’inizio il nostro adorato Pianeta Terra fosse solo un luogo caldissimo e secco, senza acqua, un immenso […]

    Reply
  • Liguria: scosse di terremoto a Genova e nel Levante | Mediterranews 20 ottobre 2011 at 9:56 AM

    […] dell’Istituto Nazionale di geofisica e vulcanologia, ha poi rilevato altri tre successivi movimenti tellurici: alle 8.16, 8.18 e 8.31 con magnitudo fra 3.4 e 2.7. L’epicentro del sisma, di magnitudo 4.0, […]

    Reply
  • Cenni sulla tettonica a zolle | Mediterranews 3 novembre 2011 at 9:39 PM

    […] espansi ciascuno in direzione dell’equatore, fino ad unirsi e formare un supercontinente: Pangea. Questi, fratturatosi  a sua volta, nel corso di milioni di anni portò al formarsi dell’attuale […]

    Reply
  • Cenni sulla protolingua | Mediterranews 1 dicembre 2011 at 11:22 AM

    […] e linguista lituana), nella quale si afferma che la diffusione delle lingue indoeuropee in Eurasia partì dall’Urheimat, individuata nelle steppe comprese tra Mar Nero e Caucaso (steppe […]

    Reply
  • Le rive trentine del Lago di Garda | Mediterranews 30 maggio 2012 at 6:23 PM

    […] dove sbucavano i cannoni. Da non perdere la visita alle Marmitte dei Giganti, pozzi glaciali dell’Era Quaternaria. […]

    Reply
  • Le rive trentine del Lago di Garda, meta ideale per l’estate | Mediterranews 30 maggio 2012 at 8:31 PM

    […] dove sbucavano i cannoni. Da non perdere la visita alle Marmitte dei Giganti, pozzi glaciali dell’Era Quaternaria. […]

    Reply
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com