Medit...errando

Una perla del Mediterraneo, Amalfi

La costiera amalfitana cinge l’ampio golfo di Salerno e si protende nel Mar Tirreno per 42 chilometri. È un tratto di costa famoso in tutto il mondo per la sua bellezza naturalistica, sede di importanti insediamenti turistici. Considerato patrimonio dell’umanità, prende il nome dalla città di Amalfi, nucleo centrale della Costiera, non solo geograficamente, ma anche storicamente.
La riviera Amalfitana è la terra in cui si uniscono la montagna ed il mare. La montagna, precipita vertiginosamente in un mare cristallino, creando suggestive insenature, fiordi profondi, promontori, grotte, calette, e piccole spiagge ciottolose; un paesaggio incantevole dalle forme sinuose e seducenti: la terra delle sirene omeriche, dove suoni e colori ammaliano i visitatori. In questo paradiso, in cui mare e terra si fondo a creare un paesaggio suggestivo ed inimitabile, è inevitabile soffermarsi ad assaporare ogni attimo. Le tipiche abitazioni del luogo, le une addossate alle altre, creano un paesaggio tra profumi intensi dei limoneti, dei vigneti, delle ginestre, i colori  sgargianti delle piante, l’odore di salsedine: esperienze sensoriali irripetibili. Piccoli borghi medievali arroccati sulle colline, boschi profumati e una natura incontaminata fanno di questi luoghi il cuore di una terra definita il “Giardino d’Europa”, dove fioriscono cultura e tradizioni.

La costiera amalfitana è nota per la sua eterogeneità: ognuno dei paesi della Costiera ha il proprio carattere e le proprie tradizioni. La Divina Costiera è una delle località più ambite dai turisti di tutto il mondo, tra luoghi dalle superbe bellezze paesaggistiche e scrigni colmi di storia. I paesi della Costiera Amalfitana sono meta di turisti, artisti, di persone in cerca di mare, sole e pace ed anche di giovani alla ricerca di divertimento e vita notturna.

Tredici sono le perle di questa terra che regalano al turista il desiderio ardente di ritornare in questo piccolo paradiso: Vietri, Cetrara, Maiori, Tramonti, Minori, Atrani, Ravello, Scala, Conca dei Marini, Furore, Praiano, Positano, ma senz’altro  il centro più noto è Amalfi.

Amalfi, secondo una leggenda prende il nome da Amalfi, una ninfa, amata da Ercole, che fu sepolta qui per volere degli dei. Centro cosmopolita aperto sul Mediterraneo, fu una delle città marinare e proprio a quel periodo risale il codice di diritto marittimo noto come Tavola amalfitana, un testo che contiene sorprendenti notizie a riguardo dell’avanzata e progredita società marinara amalfitana. Famosa nel tempo per i suoi corallari, incantò a tal punto Giuseppe Bonaparte, in visita al suo regno, che decise la costruzione di una grande strada costiera che facilitasse l’accesso dalla capitale Napoli alla Costiera. Tempo dopo, Erik Ibsen, passeggiando tra gli stretti viottoli dei paesini circostanti Amalfi, trovò l’ispirazione per completare la sua opera “Casa di bambole”.

Alla vigilia del secolo scorso, la costa di Amalfi fu riscoperta come ricercata meta turistica e, negli anni ’60, in estate, molti registi, artisti d’ogni genere ed avventurieri sono passati per la città e la costa.

Amalfi bisogna viverla per conoscerla, ma bisogna soprattutto scoprirla, perché ha sempre qualcosa di nuovo da mostrare.

duomo di amalfiUn gioiello di grande suggestione il Duomo, il monumento della costa più conosciuto nel mondo. Dedicato a Sant’Andrea è un complesso architettonico costituito da due basiliche accostate e comunicanti in stile arabo-siciliano. A sinistra della facciata principale si leva il campanile, formato da archi intrecciati e torrette.Ultimo in ordine di tempo è il Chiostro del Paradiso con la suggestiva struttura ad archi intrecciati che vanno a scaricare su 120 colonnine marmoree, e ancora più il gioco di luci del porticato creato dai raggi di sole tra gli archetti arabescati.

Simile a un tempio la Grotta dello Smeraldo è un ricamo di luce , che il mare riproduce nelle sfumature più sublimi: blu cobalto che cede il passo al turchese ; ricca di colonne, stalattiti e stalagmiti dalle forme bizzarre,che creano un ambiente incantato

Infine la riserva naturale “Valle delle Ferriere“. I botanici conoscono questa riserva per la presenza di una pianta rara in Europa, la Woodwardia radicans, ma la riserva è anche l’habitat di diverse specie di Orchidee e della piccola pianta carnivora “Pinguicola hirtiflora”.

D’estate Amalfi è la capitale della mondanità e del divertimento con innumerevoli manifestazioni, ma in tutto il resto dell’anno il clima mite rende dolci le lunghe passeggiate e la città offre, con le sue frazioni, dette “casali” impareggiabili bellezze e stupendi panorami.

 

Tag

Hamlet

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close