EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Il razzismo ed il web 2.0. Colpire i Rom, parola d’ordine internazionale

Le maldicenze sul popolo Rom sono una vera “maledizione” infatti non si placano. Anzi con la nascita del web 2.0 esse si sono triplicate e se prima erano solo dicerie tradizionali che tutti hanno sentito dire un pò ovunque nello Stivale, “attento lo zingaro ti rapisce”, “ho visto una zingara che sotto la gonna nascondeva un bambino”, ” lo zingaro ha rubato a casa del tale”. Oggi la  cialtroneria e la maldicenza viaggia in chat, mails, sms e quanto altro. Ecco che un minuto dopo aver letto la notizie di Fabrizio anche a me che scrivo è arrivata la mail per “avvisarmi di avere gli occhi aperti e segnalare al 113 la presenza di zingari ruba bambini.” Ma andiamo a leggere quel che ci racconta Fabrizio. Fra le tante cause che concorrono alla diffusione del razzismo e delle paure verso ciò che è sconosciuto, c’è la circolazione di notizie non verificate spacciate come verità universali. Da anni circola in rete il testo di un fantomatico “Codice degli zingari”, le cui prime segnalazioni risalgono addirittura agli anni ’20 del secolo scorso. Si tratta dei famosi segni che i Rom lascerebbero per indicare quale appartamento “ripulire”. Da un po’di tempo è apparsa in rete questa mail (riportiamo la parte iniziale):“Le bande di malviventi, i Rom e i ladri stanno escogitando vari stratagemmi perchè gli automobilisti (soprattutto donne) fermino il proprio veicolo e ne scendano (in zone isolate).” Altro non è che la versione di un testo in francese, apparso già l’anno scorso. Riportiamo anche in questo caso la parte iniziale:“Alors que je roulais sur une route départementale un soir pour rentrer chez moi, j’ai vu un enfant dans un siège auto, sur le bord de la …”

Ne scrive il sito Hoaxbuster, specializzato in bufale su Internet. Nel caso francese la segnalazione sembrerebbe arrivare da un poliziotto, che stranamente invita a segnalare casi simili non ai centralini della polizia francese (17), ma al numero internazionale dei vigili del fuoco (112).

L’anno scorso la notizia in Francia venne inizialmente diffusa da un ragazzo, probabilmente uno “spammer” francese, che contattato via mail rispose soltanto di sapere che avvenivano fatti simili, senza fornire ulteriori spiegazioni. In seguito le associazioni francesi di difesa dei Rom e dei Sinti presentarono denuncia per incitamento all’odio razziale.

Abbiamo fatto una ricerca su Google riguardo al testo in italiano, ricevendo sinora 104 risultati. Un fatto curioso: abbiamo trovato due casi in cui le autrici ne parlano come di un’esperienza personale, descrivendola con le medesime parole. In un caso la firma è di “Alessandra Savio, Purchase Department”, nell’altro viene firmata da una dipendente dell’amministrazione provinciale di Padova.

A questo punto si è voluto conoscere se esistesse veramente questa persona nell’amministrazione padovana. Una nuova ricerca in rete ha restituito pochi risultati, anche se appare con due cognomi simili ma diversi.

Venerdì 29 luglio siamo riusciti a parlare con questa persona, che ci ha chiesto di rimanere anonima. Per telefono ci ha detto di aver inizialmente inoltrato a 5 amiche una mail arrivatale da un altro mittente – per sua leggerezza senza cancellare la propria firma, di essere stata informata in seguito delle falsità che vi erano contenute, di aver indagato sul caso attraverso diversi forum in rete (ed aver scoperto anche una versione in inglese), di aver provato a scusarsi personalmente con i destinatari per quanto era successo.

Purtroppo, il più delle volte le scuse non bastano ad arginare la diffusione in rete di queste menzogne, che rimangono in circolazione per anni. Perciò abbiamo provato a smontare questa bufala.

Aggiungiamo a questo punto alcune raccomandazioni finali:

  • se possibile, verificate le notizie che vi giungono, prima di contribuire alla diffusione di informazioni false;
  • diffidate delle notizie spacciate come sensazionali, e nel contempo come sconosciute perché “qualcuno” non vorrebbe che circolassero;
  • diffidate altresì delle notizie dove non vengono specificate date certe, anche i luoghi citati non sono indicati con precisione, in cui l’autore originario dell’informazione è citato in maniera generica.

Per chi fosse interessato poi: ecco come cercare di evitare di essere delle “vittime” di truffe o spam

Oltre alle redazioni di U VELTO e MAHALLA hanno collaborato: Ivana Kerecki (Sesto San Giovanni – MI), Angela Tropea (Catania), Alberto Maria Melis (Cagliari) ed Ernesto Rossi (Trezzano sul Naviglio – MI)

About the author

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com