EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

L’Aloe ovvero La Guaritrice Silenziosa

L'Aloe ovvero La Guaritrice Silenziosa fotografia redazione mediterranews.org,riproduzione vietataL’Aloe è una pianta appartenente alla famiglia delle Liliacee ma spesso per Aloe si intende, in realtà, non un tipo ma un genere di piante. Sono note infatti più di 350 varietà di Aloe, di cui tre o quattro possono vantare notevoli proprietà salutari e medicinali. La più completa di queste, ricche di aminoacidi, vitamine ed enzimi è l’Aloe Barbadensis Miller, comunemente nota come Aloe  Vera.

Nessuno è in grado di affermare con certezza da quanto tempo l’Aloe è conosciuta come pianta medicinale.
Uno dei primi usi farmaceutici documentati dell’Aloe è riportato su una tavoletta d’argilla sumerica risalente al 1200 a.C. ma esistono notizie sull’esistenza di disegni di questa pianta sulle mura di un antico tempio egizio già nel4000 a.C.
L’Aloe è stata a lungo circondata da un alone di mito e di leggenda, tanto che in alcune culture antiche ha acquisito  una condizione quasi divina, essendo venerata per le sue proprietà guaritrici.

Qualunque sia la verità sul primo uso documentato, è storicamente attestato
che l’Aloe Vera, dai tempi di Cristo in poi, ha svolto un ruolo significativo ed importante nella farmacologia di molte civiltà antiche.
Esistono prove inconfutabili dell’uso di questa pianta come medicina ad ampio spettro in regioni disparate come l’Europa del Sud, il Medio Oriente, L’Africa delL'Aloe ovvero La Guaritrice Silenziosa fotografia redazione mediterranews.org,riproduzione vietata Nord, l’Asia, l’Estremo Oriente e le Americhe.

Uno dei resoconti più dettagliati si trova nel Papiro Erbes  Egiziano,1550 a.C., il quale documentava una serie di formule per l’uso dell’Aloe nel trattamento di vari disturbi e in associazione con altri elementi naturali

Gli antichi egiziani la chiamavano Pianta dell’Immortalità, questo spiegherebbe i racconti sul suo utilizzo nel processo di imbalsamazione e la sua importanza nei riti di sepoltura dei faraoni o sull’uso che ne faceva la bella Nefretiti e Cleopatra; entrambe pare che dovessero il loro fascino ai quotidiani bagni fatti nel succo puro di Aloe.
Sempre in Egitto, si narra che Salomone coltivava personalmente l’Aloe, fermamente convinto delle sue proprietà aromatiche e curative. In Mesopotamia la pianta aveva la capacità di scacciare dalle abitazioni gli spiriti maligni. Mentre i Cavalieri Templari bevevano un miscuglio ottenuto con vino di palma, polpa di Aloe e canapa, poichè questa bevanda assicurava salute e longevità.

Quando, intorno al 600 a.C. gli Arabi scoprirono come trattare questa pianta a fini curativi, separando il gel e la linfa dallo stato di rivestimento, la esportarono in Persia ed in India. In quei tempi le tribù beduine ed i guerrieri Tuareg del Shaara, conoscevano la pianta con il nome di Giglio del deserto.
Una leggenda narra che persino Alessandro Magno conquistò l’isola di Socotra, esclusivamente perchè vi veniva coltivava l’Aloe  Vera, per poterne fare il medicamento per i suoi soldati feriti in battaglia.

Gli Indù credevano che l’Aloe Vera crescesse nel Giardino dell’Eden e ne sfruttavano le qualità attraverso l’Ayurveda, mentre gli antichi medici cinesi la consideravano una delle piante maggiormente dotate di proprietà terapeutiche.
L'Aloe ovvero La Guaritrice Silenziosa fotografia redazione mediterranews.org,riproduzione vietataNelle Americhe, la pianta fu usata per secoli dalle popolazione Maya e gli indiani Seminole credevano nella capacità dell’Aloe di ringiovanire: la denominavano la Fonte della giovinezza.

Dioscoride, medico greco (41-68 a.C.) diede per la prima volta una descrizione dettagliata delle virtù  dell’Aloe  Vera, annotando che il contenuto delle foglie poteva essere usato per il trattamento delle irritazioni della pelle, la sua disidratazione, per le tonsille e la gola, per favorire la guarigione delle contusioni e per le emorragie.

Un altro famoso medico latino Plinio il Vecchio, confermò anche le proprietà della pianta contro la sudorazione e la cura delle emorroidi. Durante il Medioevo ed il Rinascimento, l’uso dell’Aloe medicinale si diffuse in tutto il mondo e lo stesso Cristoforo Colombo ne notò l’utilizzo a Cuba e su molte isole caraibiche. Dove l’Aloe cresceva  spontaneamente essa veniva venerata per le sue proprietà, quasi magiche, di guarire le ferite.  I sacerdotiL'Aloe ovvero La Guaritrice Silenziosa fotografia redazione mediterranews.org,riproduzione vietata la utilizzavano in molti riti religiosi. Non a caso la pianta  miracolosa è citata nel Vangelo cristiano, come sostanza usata per ungere il corpo di Gesù Cristo dopo la morte.

Nel quindicesimo secolo l’Aloe fu scoperta dai Gesuiti spagnoli che ne conoscevano gli studi precedenti e nei loro viaggi utilizzavano la pianta dove cresceva spontaneamente e la coltivavano dove non era presente. Nei due secoli che seguirono, dell’Aloe si tenne solo presente la sua capacità risolutiva come lassativo, dimenticando così le altre proprietà farmacologiche.

Oggi questa meravigliosa pianta dai poteri soprannaturali, oltre che ornare i nostri giardini, trova posto in ampio grado nei laboratori farmaceutici ed in quelli cosmetici.

About the author

Related

Rispondi a hermanndelmauriziano Annulla risposta

Comments

  • Daniele Pelosi 26 settembre 2011 at 12:44 PM

    L’Aloe Vera Gel funziona perché fornisce un ricco cocktail di elementi nutritivi, la cui azione combinata ed il cui equilibrio producono un effetto più potente di quello che si potrebbe avere dall’attività dei singoli elementi.

    Reply
  • Giuseppe 27 settembre 2011 at 7:48 PM

    Molto interesante l’articolo 😀

    Reply
    • hermanndelmauriziano 27 settembre 2011 at 8:59 PM

      Grazie..un semplice escursus, per conoscere questa meravigliosa pianta.

      Reply