Scienze e Tecnologia

Arrested, l’applicazione per Android che comunica il fermo di Polizia. Ad inventarla un indignados

Arrested, l'applicazione per Android che comunica il fermo di Polizia. Ad inventarla un indignados  Strano Paese l’Italia!Qualche anno addietro le pagine dei giornali erano zeppe di reperti da perquisizione quali appunti e manuali di guerriglia urbana, istruzioni per bombe e varie. Basta cercare qualche vecchia annata di stampata e la curiosità verrà soddisfatta. Ma oggi viviamo nell’era del web 2.0 e, le informazioni devono girare veloci. L’Italia ha conosciuto i Black Bloc, la prima volta per il G8 di Genova 2001, poi, negli anni li ha rincontrati diversi mutati, sempre in nero ma alquanto differenti. Insomma i violenti delle manifestazioni, quelli che tutti oramai chiamano “Black Bloc” ovviamente sono al passo con i tempi, tecnologici ecco allora che pare si organizzino nei forum nelle pagine di FB, taluni dicono che su Indymedia sia stato rinvenuto un post dove spiegava come vivere la quotidianità, ma la fonte potrebbe essere dubbia non ci vuole niente a scrivere qualche post usando magari Tor per non far rintracciare immediatamente la location. Nel web comunque si trovano sempre video per costruire molotov e bombe carta, qualora non siano in italiano, insomma esistono in altre lingue ma il massimo del tecnologico è una applicazione per smartphone Android che avvisa dell’arresto.

Arrested, viene tradotto in italiano con Mi stanno arrestando. Applicazione che permette di inviare un sms che avvisi del fermo di polizia, una applicazione gratuita per android ma facilmente ricreabile.

Sembra essere una provocazione in realtà si scrive il testo e si invia automaticamente ad un tot di amici, tutti lo potrebbero fare dai proprio cellulari anche senza l’applicazione, basta smanettare un pochino!Usato in questo modo, ovvero nel modo pensato dall’i indignados che lo ha brevettato e divulgato l’idea è una rapida informazione di fermo di polizia che certo avviserà amici e conoscenti o compagni di lotta. Ma l’applicazione potrebbe avere anche altri usi.

 

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close