EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Sclerosi Multipla: una possibile cura con le cellule staminali mesenchimali

Ancora novità dalla ricerca per la Sclerosi Multipla, è infatti di questi giorni la notizia che uno studio  pubblicato sulla prestigiosa rivista americana Pnas (Proceeding of the National Academy of Sciences) ha analizzato un nuovo meccanisto attraverso cui le cellule staminali mesenchimali, un tipo di staminali adulte isolate dal midollo osseo, sono in grado di modificare in vivo la risposta immunitaria.

E’ la Fism ( Fondazione Italiana Sclerosi Multipla ndr) a dare questo notizia, ed infatti anche uno studio   coordinato dal dottor  Antonio Uccelli del Dipartimento di Neuroscienze dell’Università di Genova in collaborazione con la dottoressa Elisabetta Traggiai dell’Istituto Gaslini, dimostra  che le cellule staminali mesenchimali sono in grado di inibire l’azione delle cellule dendritiche,  che altro non sono che un particolarissimo tipo di globuli bianchi che “istruiscono” il sistema immunitario. Si legge su SuperAbile che la dottoressa Sabrina Chiesa che ha condotto gli esperimenti presso il Centro di Biotecnologie Avanzate di Genova può provare che  iniettando endovena le staminali mesenchimali è possibile “paralizzare” le cellule dendritiche impedendo loro di interagire con i linfociti T. Con questi studi si comprende quale possa essere una nuova possibile terapia, e, probabilmente si potrà giungere persino alla riparazione di alcuni danni causati dalla S.M. tra cui quello neurologico. Secondo il prof.  Uccelli, le staminali mesenchimali, pur non potendo riparare i tessuti nervosi irreparabilmente danneggiati dalla malattia, potrebbero rappresentare un’opportunità unica nella cura della sclerosi multipla vista la loro capacità di bloccare le cellule del sistema immunitario che aggrediscono le proteine della mielina, la guaina che riveste i nervi, e di proteggere le cellule nervose.

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com