EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Serbia: la cura della CCSVI è riconosciuta dal Ministero della Sanità

Serbia: la cura della CCSVI è riconosciuta dal Ministero della Sanità Serbia, il  6 ottobre 2011  è una data epocale, si apprende infatti che il Ministero della Sanità della Repubblica di Serbia e le altre autorità competenti hanno deciso che il Centro Clinico di Niš non accetterà più i pazienti con una diagnosi di sola Sclerosi Multipla (SM) .

A seguito di pressioni da parte dei malati dell’Alleanza per la CCSVI il Ministero della Salute ha deciso che il Centro Clinico di Niš tratterà solamente pazienti affetti da insufficienza venosa cronica cerebro spinale (CCSVI).

Tutti i pazienti seguiti dai neurologi ora potranno farsi diagnosticare e curare anche la CCSVI, facendo genericamente riferimento alle diagnosi di CCSVI o alla sospetta stenosi della vena giugulare.

Ciò significa che la Serbia da oggi, è il primo paese europeo dove la CCSVI viene riconosciuta come malattia e che i suoi cittadini beneficeranno di un trattamento gratuito con il sistema sanitario.

E’ ora auspicabile che questa strada possa essere presto seguita anche dal Ministero della Salute italiano, mettendo così la parola fine alle diatribe tra medici di diverse specializzazioni su una patologia che è vascolare.

About the author

Alessandro Rasman, 48 anni, triestino. Laureato in Scienze Politiche, indirizzo politico-economico presso l'Università di Trieste; è malato di sclerosi multipla, patologia gravemente invalidante, dal 2002. Per Mediterranews cura una speciale rubrica sulla sclerosi multipla.

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com