Italia

131 bloccata Prima giornata di protesta degli anti-Equitalia


Tir: la protesta divide l'Italia e le associazioni di categoria. Forti disagi in Sicilia. Da domani la vertenza sbarca in SardegnaDisagi per la Sardegna a causa della mobilitazione
 che interesserà l’Isola in questa settimana nell’ambito della giornata di protesta promossa contro la crisi dagli anti-Equitalia. La mobilitazione partita contemporaneamente alle 7.30 di fronte al centro commerciale di Sestu, La Corte del Sole,ha bloccato un tratto della 131 in direzione Sassari. Si è formata una coda di autoveicoli di oltre 5 chilometri,portanto disagio a chi si recava a lavorare.

I blocchi: sulla statale 130 a Villamassargia, Siliqua e all’ingresso di Cagliari al semaforo di Sestu; quindi sulla statale 195 all’altezza della raffineria Saras e nei pressi di Capoterra; e ancora sulla statale 131 a Sestu davanti al centro commerciale La Corte del Sole e di nuovo all’ingresso di Cagliari (zona industriale).

La protesta è indirizzata contro il rincaro dei carburanti e per un miglioramento delle imprenditorie quasi in ginocchio nell’Isola Sergio Porru, uno dei promotori dichiara«La nostra è un’azione di sensibilizzazione. Il nostro scopo è quello di attirare l’attenzione dei media nazionali e dei vertici istituzionali con cui intendiamo confrontarci. Ci auguriamo di raccogliere un cospicuo numero di adesioni sin da oggi ma abbiamo comunque intenzione di organizzare questo tipo di protesta almeno una volta alla settimana. La protesta è fatta a nome di tutta la cittadinanza della Sardegna per cui non ha nessuna categorizzazione di sorta ed è aperta a chiunque».

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close