EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Auschwitz, la canzone del bambino nel vento

Auschwitz, la canzone del bambino nel ventoSon morto con altri cento
Son morto ch’ero bambino
Passato per il camino
E adesso sono nel vento,
E adesso sono nel vento.

Ad Auschwitz c’era la neve
Il fumo saliva lento
Nel freddo giorno d’inverno
E adesso sono nel vento,
E adesso sono nel vento.

Ad Auschwitz tante persone
Ma un solo grande silenzio
È strano, non riesco ancora
A sorridere qui nel vento,
A sorridere qui nel vento

Io chiedo, come può un uomo
Uccidere un suo fratello
Eppure siamo a milioni
In polvere qui nel vento,
In polvere qui nel vento.

Ancora tuona il cannone,
Ancora non è contenta
Di sangue la belva umana
E ancora ci porta il vento,
E ancora ci porta il vento.

Io chiedo quando sarà
Che l’uomo potrà imparare
A vivere senza ammazzare
E il vento si poserà,
E il vento si poserà.

Io chiedo quando sarà
Che l’uomo potrà imparare
A vivere senza ammazzare
E il vento si poserà,
E il vento si poserà.

Il testo è di Francesco Guccini, cantato poi anche dai Nomadi. Nel testo Il celebre cantautore Francesco Guccini, canta e scrive la storia di uno dei milioni di bambini morto bruciato nei campi di sterminio. Anni fa, Francesco Guccini, aveva dichiarato che  “la prima idea” per questa tristissima quanto bellissima e celeberrima canzone gli venne dalla lettura di Tu passerai per il camino – Vita e morte a Mauthausen (Mursia, 1965), un libro di memorie di Vincenzo Pappalettera.



About the author

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com