EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Blocco Sardegna: lettera contro caro carburanti consegnata alla Saras

Blocco Sardegna: lettera contro caro carburanti consegnata alla SarasSaras, il blocco conta circa 200 persone. Intorno alle 10.15 i presidianti hanno consegnato un documento indirizzato a Moratti, proprietario della Saras. La dirigenza non ha accolto i manifestanti e la Digos ha fatto da “intermediario”. Si riporta il testo della lettera contro il caro benzina.


Le associazioni e i movimenti qui rappresentati sono oggi davanti ai cancelli della più grande raffineria d’Europa, qui a Sarroch, per manifestare la drammaticità della crisi sarda che impoverisce sempre più tutte le categorie lavoratrici sia quella salariata sia quella così detta autonoma, degli artigiani, dei commercianti, dei trasporti, degli agricoltori e dei pastori.

La scelta della Saras non è casuale perché il prezzo del carburante incide pesantemente ed attraversa tutte le categorie che necessariamente fanno uso della benzina e del gasolio non solo per normale circolazione, ma specificamente per il lavoro.

La Sardegna in particolare è penalizzata sia per gli assurdi ed ingiustificati costi della corrente elettrica derivante da fossili sia per i costi enormi della benzina e del gasolio, che in presenza della raffineria dovrebbero avere ben altra incidenza.

I sardi già pagano pesantemente le servitù industriali e l’inquinamento che ne deriva sul proprio territorio senza alcun beneficio, relativamente al costo del carburante che in Sardegna dovrebbe avere un costo inferiore e scontato.

Per questo motivo siamo qui a rimarcare lo stridente e assurdo rapporto tra gli enormi profitti della Saras e l’inquinamento che, tra l’altro, sono usciti dall’obiettivo uno e dai vantaggi ad esso legati proprio per il superamento degli standard imposti dall’Europa a causa della ricchezza della Saras.



La giornata di oggi segna un limite oltre il quale non è più possibile andare. La Saras deve pagare pegno ai sardi, che non possono accontentarsi più delle sole buste paghe degli operai, che hanno pagato anche con la propria vita e pagano ogni giorno col rischio la perdita del loro lavoro.

Ora la Saras, soprattutto in un momento di crisi come l’attuale, deve aiutare i sardi, riconoscendo loro uno sconto significativo sul prezzo dei carburanti che agevoli il loro lavoro e la loro vita.

I manifestanti

About the author

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com