EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Posidonia: Brevettato il processo di accrescimento e di riproduzione in vasca

La Posidonia è l’unica pianta erbacea che si è adattata a vivere sui fondali marini. E’ capace di raggiungere la lunghezza di 1 metro. Questa specie colonizza grandi superfici del fondo sabbioso fra i 2 e i 50 metridi profondità. La differenza che vi è tra la poseidonia e una qualsiasi alga marina è che la Posidonia è una pianta e quindi è provvista di radici, mentre le alghe marine no. La Posidonia con foglie  nastriformi, unite in gruppi da 5 a 10, presenta la sua radice circondata da foglie morte; le fibre della radice vengono strappate dal moto ondoso che le posa sulle spiagge facendole assomigliare a delle pallottole sferiche.

Le piante di Posidonia danno origine a praterie sottomarine ricche di vita animale. Le foglie, infatti, ospitano batteri ed alghe, idrozoi, briozoi ottimo cibo per polpi, seppie, gamberi e pesci.
Le praterie sottomarine hanno molteplici funzioni: attenuano il moto ondoso proteggendo l’erosione dei litorali; sviluppano una ricca comunità biologica;
contribuiscono all’ossigenazione delle acque.

L’ancoraggio e la pesca a strascico danneggiano le praterie di Posidonia, agendo pesantemente sullo stato di salute del nostro mare.  Pertanto la Comunità Europea ha ritenuto di doverla proteggere e nel 1990 l’ha inclusa nella Lista Rossa delle specie marine del Mediterraneo a rischio di estinzione.

A Brindisi l’azienda TCT da alcuni anni fa ricerca e sviluppo occupandosi di Green economy. E’ nato così  un progetto per lo sviluppo di una Tecnologia Ambientale per la Ricostruzione, la Tutela delle praterie sottomarine di Posidonia e il miglioramento della sostenibilità ambientale delle operazioni su fondali. Il suo presidente Corrado De Rinaldis Saponaro in un’intervista ha illustrato  lo studio dell’idea di coltivare la Posidonia in una vasca, riproducendo così le condizioni marine di acqua e temperatura. Talee da reimpianto di Poseidonia, fornite dagli stessi pescatori che in determinati periodi dell’anno durante la pesca le tirano su con le reti, sono state impiantate in vasca. Allevate saranno pronte a ritornare al mare.

Il progetto, ora brevettato, è stato accolto favorevolmente da un della Posidonia di Barcellona, mentre in un paio di manifestazioni organizzate da Legambiente, per la pulizia del mare e delle spiagge, è stata utilizzata proprio l’imbarcazione del laboratorio della TCT.  Durante gli incontri tra Legambiente ed azienda è nato un accordo di collaborazione per la divulgazione del progetto.

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com