Mediterranews

Costa Concordia: chi è il misterioso cameramen del video? La Procura acquisisce il documentario della plancia come prova!

Il video esclusivo sulle discussioni avvenute nella plancia del Costa Concordia è un qualcosa di veramente importante per portare un pò di luce sulla vicenda del naufragio del 13 gennaio scorso. Le immagini stanno facendo il giro del mondo ed ora, la Procura di Grosseto ascoltera’ come testimone la persona che ha girato il video mostrato ieri in esclusiva dal Tg5, che ritrae la plancia di comando della Costa Concordia negli attimi successivi al naufragio. ”Stiamo facendo le indagini che serviranno per capire chi ha girato questo video, e sicuramente lo sentiremo come testimone”, annuncia il procuratore capo Francesco Verusio, che dice di avere ”una mezza idea su chi lo ha girato”. Nel video regna la confusione, si vive la vera emergenza, istante per istante, ma il mistero è proprio chi lo ha girato? Perchè appare solo un mese dopo?

Una voce dice “i passeggeri stanno entrando da soli nelle lance…”; “Vabbuo”, la risposta che arriva da una delle persone in quelle fasi in plancia di comando. Poi si sente “Ora devo dare l’emergenza generale”, e un altro “aspetta, aspetta”, ma poi “devo dare l’emergenza generale”.”Abbandoniamo la nave.   Abbandonare la nave…”. Sono le 22,32 di venerdi’ 13 gennaio, la nave Costa Concordia quasi un’ora prima ha urtato contro lo scoglio, c’e’ stato lo squarcio nella fiancata, la nave si e’ inclinata, ma solo allora viene dato l’ordine generale di evacuazione.
L’ordine definitivo arriva alle 22 e 32: “Abbandonare la nave”.
La telecamera, non si sa portata da chi, si sposta, si muove frenetica lungo i corridoi, inquadra anche una ciabatta nera rimasta per terra. Infine si sente la sirena che ufficializza l’ordine di evacuazione, dieci minuti dopo quanto detto in plancia di comando. Quindi la voce dall’altoparlante: “Recarsi al ponte 4, muniti del giubbotto di salvataggio”, un annuncio ripetuto in diverse lingue. Sono le 22 e 42, e’ trascorsa oltre un’ora dall’impatto con lo scoglio.

Exit mobile version