Salute

Autismo: dati del sondaggio Angsa

 Tantissimi sono gli autistici in Italia si legge sull’Agi che la maggioranza degli autistici italiani hanno tra i 3 e i 42 anni, sono soprattutto maschi, nel 72,5% dei casi frequentano la scuola e, se troppo grandi, frequentano un centro diurno (13,2%).

Seguono terapie cognitivo-comportamentali insieme alla logopedia, alla fisioterapia e alla psicoterapia, e solo da adulti assumono farmaci per tenere sotto controllo i sintomi della malattia. I dati sono stati estrapolati da  un sondaggio condotto dal Censis, per conto dell’Angsa (Associazione nazionale genitori soggetti autistici) e della fondazione Cesare Serono

Il 96% dei ragazzi malati di autismo vive in famiglia e solo il 4% in istituzioni residenziali. Nel 64,2% la disabilita’ dei propri figli viene descritta dalle famiglie come grave o molto grave. Compromissione della comunicazione verbale e non verbale (77,2%), problemi nell’apprendimento (73,4%), comportamenti ripetitivi, ossessivi, compulsivi e auto stimolatori (70,8%) sono i sintomi e disturbi indicati piu’ spesso dai genitori come presenti e gravi nei propri figli. Ma sono l’aggressivita’ e l’autolesionismo, piu’ di tutti, i disturbi che causano maggior disagio alle famiglie che se ne lamentano nel 25,1% e che li indicano come i problemi piu’ gravi in assoluto nel 31,9% dei casi di figli adolescenti. E la diagnosi arriva dopo percorsi lunghi e complessi. Il 45,9% degli intervistati ha sostenuto di aver dovuto attendere tra uno e 3 anni, il 13,5% oltre. Quanto piu’ si allunga il tempo della diagnosi, tanto piu’ aumentano i consulti e i centri cui le famiglie ricorrono: se la media e’ 2,7 centri e specialisti consultati, si arriva a punte di 5 tra centri e medici soprattutto nel caso di diagnosi effettuate dopo i 10 anni d’eta’. Percorsi diagnostici complicati dalle difficolta’ di comunicazione tra genitori e medici.

Difficolta’ che sono inversamente al livello di istruzione delle famiglie: tanto piu’ e’ basso, tanto piu’ alta e’ la diffidenza nei confronti del medico, considerato poco competente dal 40,4% dei genitori con titolo di studio inferiore e poco affidabile dal 51,1% della stessa fascia. Tra le famiglie con titoli di studio piu’ elevati, invece, vengono indicate soprattutto difficolta’ nell’ottenere informazioni affidabili (13,7%) e la sensazione che la diagnosi sia ritardata o nascosta per non allarmare i genitori (12,8%). Il 49,3% dei ragazzi affetti da autismo viene sottoposto a terapia cognitivo-comportamentale, utilizzata nel 27,8% dei casi con i piu’ piccoli per i quali vengono usate anche la logopedia (32,8%), la psicomotricita’ (30,8%) e la psicoterapia (13,9%). Circa un quinto dei genitori ha pero’ sostenuto di aver ricevuto solo questi ultimi tre tipi di terapia e mai interventi cognitivo-comportamentali. Oltre all’impegno assistenziale e al pesante carico emotivo, la patologia porta con se’ anche notevoli costi: delle 5,2 ore settimanali di trattamento, 3,2 vengono pagate dalle famiglie. La diagnosi di autismo di un figlio comporta cambiamenti profondi anche nella vita professionale riportati in senso negativo dal 65,9% delle persone. A risentirne sono soprattutto le madri, che hanno registrato peggioramenti nella vita lavorativa nel 62,6% dei casi. Nel 25,9% hanno lasciato il lavoro e nel 23,4% ne hanno ridotto l’orario. Molto importante e’ considerato l’aiuto ricevuto dalla rete dell’associazionismo, che nell’84,3% dei casi ha fornito informazioni e orientamento e nel 69,3% formazione. Il 44,5% dei genitori si e’ rivolto alle rappresentanze nelle istituzioni sanitarie, il 40% ricerca invece strategie di auto-mutuo aiuto.


Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close