Italia

Giovane madre muore dopo il parto Indagati sei medici

La commissione parlamentare d’inchiesta sugli errori sanitari ha chiesto all’assessore pugliese alla sanita’, Ettore Attolini, una relazione sulla morte della 29enne Maria Teresa Lauciello, al sesto mese di gravidanza, avvenuta nella notte tra il 12 e il 13 febbraio scorsi nell’ospedale Miulli di Acquaviva delle Fonti (Bari), dopo aver dato alla luce un feto senza vita.

Sei medici in servizio nell’ospedale ‘Umberto I’ di Corato, dove la giovane era stata ricoverata in un primo momento, sono stati iscritti nel registro degli indagati dalla procura di Bari.  Sarà l’autopsia, disposta dal pm Giuseppe Gatti, ad accertare le cause del decesso.

La giovane donna a dicembre aveva avuto la prima minaccia di aborto, ed era rimasta un mese ricoverata in quello stesso ospedale, Unmberto I di Corato, dove giovedì era tornata in preda a forti contrazioni uterine. Al momento del ricovero nel reparto di ginecologia sembrava che i dolori fossero la causa di un’indigestione.  Poi la febbre è salita e dopo poche ore è seguita un’emorragia. La giovane è stata trasferita d’urgenza al Miulli, dove, una seconda ecografia ha riscontrato la mancanza del battito al feto, forse morto da giorni. Si è dunque proceduto al parto e all’isterectomia per arginare la perdita di sangue. La giovane mamma, trasferita in Rianimazione, è poi  deceduta. “

La famiglia  ha presentato denuncia ai carabinieri di Acquaviva e il pm ha avviato le indagini. L’autopsia dovrà accertare se la giovane è morta per setticemia.

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close