EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Governo: torna la vecchia maggioranza? Approvato con voti Lega Nord PDL l’emendamento sulla responsabilità civile dai magistrati

La Camera ha approvato un emendamento della Lega Nord alla legge comunitaria che introduce la responsabilità civile diretta dei magistrati, sul quale il governo aveva dato parere negativo. I voti a favore sono stati 264, i no 211 e 1 astenuto. Lega Nord e PdL durante il voto segreto hanno votato insieme.

Il ministro per gli Affari europei, Enzo Moavero Milanesi, aveva invitato i deputati a votare contro, in quanto il tema avrebbe dovuto essere affrontato in modo organico con una normativa ad hoc.

Il voto è avvenuto in una situazione particolare infatti oltre all’emendamento ci si avvia ad esaminare le novità del mondo del lavoro. Intanto il ricompattamento dei vecchi schieramenti preoccupa. Ma l’Italia è più attenta a ironizzare sulle dichiarazioni del Professor Monti ed “Posto fisso”.E’ utile notare che la legge attuale prevede che sia lo Stato e non il singolo magistrato a risarcire una persona che abbia subìto un danno a causa di un errore giudiziario commesso per dolo o colpa grave.


Una recente sentenza della Corte di giustizia europea intimava all’Italia di cambiare la legge, in quanto la responsabilità andava estesa anche agli errori commessi dal magistrato per un’interpretazione errata delle norme europee e per una valutazione sbagliata di fatti o prove.

La Corte Ue non si spingeva però ad investire direttamente il magistrato dell’onere del risarcimento, non toccando il principio che fosse lo Stato, e non la singola toga, a pagare.


I 264 voti a favore non vengono però dal solo centrodestra, ma anche dai sei deputati Radicali e da qualche decina di “franchi tiratori” del centrosinistra, il quale era presente in aula con oltre 240 deputati al momento della votazione (a fronte di 211 no).

Il ministro della Giustizia, Paola Severino, che non ha partecipato al dibattito in aula nonostante si profilasse il temporale, ha ipotizzato una marcia indietro al Senato, dove la legge comunitaria arriverà dopo l’ok di Montecitorio.

“Rispetto la decisione del Parlamento, ma è evidente che in una seconda fase ci sia spazio per un’ulteriore riflessione e si riapra il dialogo in vista di soluzioni alternative”, ha commentato il Guardasigilli dopo il voto. Bersani è critico e chiede al Governo ed al Senato di sanare la situazione. Intanto il  sindacato dei magistrati, l’Anm, la responsabilità diretta del magistrato per i suoi errori è “incostituzionale e una forma intimidatoria e di vendetta verso il libero esercizio della funzione di giudice”.


About the author

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com