Economia

Pensioni: novità per esodati, madri e lavoratori amianto

Pensioni: è arrivata la perequazioneContinuano le discussioni in Senato ed è ancora in sospeso l’emenamento sulla questione degli esodati 2012, ovvero i lavoratori prossimi alla pensione che accettano di concludere il rapporto di lavoro con l’impresa, ma che rimangono bloccati  a causa della riforma sulla pensione. Il Senato avrebbe dato lo stop ma il relatore Lucio Malan, in quato al Pdl ha assicurato che ci saranno ulteriori sviluppi.

Per la Fornero invece si sarebbe un rinvio perchè servono ulteriori provvedimenti ed ulteriori strumenti economici. Intanto però il Senato ha votato in modo favorevole l’emendamento che permetterebbe  agli esodati che hanno interrotto il loro rapporto di lavoro entro il 31 dicembre 2011 di fare riferimento alla vecchia normativa previdenziale.I lavoratori precoci invece potranno andare in pensione anche prima del raggiungimento dei 62 anni di età a patto che abbiano lavorato per 42 anni e 1 mese (41 anni e 1 mese le donne), compresi i congedi obbligatori (maternità, malattia, servizio militare) così come ha avuto un esito positivo le richieste sulla  Cassa integrazione ordinaria: inoltre vi è una importante novità in merito all’emendamento proposto da Mariangelo Bastico del Pd in merito ai  contributi per le  madri che assistono figli disabili e ai contributi per la paternità obbligatoria, una ulteriore proroga poi è stata approvata per i benefici previdenziali in favore dei lavoratori esposti all’amianto.


Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close