EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Profumo di uomo?Ecco come far innamorare una donna!

Profumo di donna? No! Di uomo!

Forse lo aveva già scoperto la cantautrice italiana Gianna Nannini quando in Profumo cantava

“voglio il tuo profumo / dammi tutto il tuo sapore /no ti prego non ti insaponare 
se nella none hai ancora un brivido /[animale] /voglio il tuo profumo /voglio il tuo profumo 
dammi tutto il tuo sapore /no ti prego non ti insaponare  /se nella notte hai ancora un brivido “

E’ dimostrato che esiste una particolare sostanza, componente dell’odore corporeo maschile in grado di mettere una donna in competizione con le sue simili.

La molecola si chiama androstadienone fa questo effetto non solo quando una donna si trova nel suo periodo fertile, ma anche in momenti diversi, in cui le probabilità di concepimento sono inferiori.


La ricerca è pubblicata sul “Public Library of Science” condotto da un’equipe di ricercatori padovani guidata dal Prof. Umberto Castiello in collaborazione con il Prof. Roberto Tirindelli dell’Università di Parma.

Nel corso del loro studio, i ricercatori hanno selezionato un gruppo di 100 donne, equamente divise in relazione al rischio di concepimento, e hanno chiesto loro di osservare una serie immagini che raffiguravano volti maschili, femminili oppure oggetti comuni. L’analisi dei movimenti oculari delle volontarie ha rivelato che inconsciamente le donne guardano più a lungo i volti femminili rispetto a quelli maschili, mostrando in questo modo un interesse particolare per le altre donne. Gli studioso hanno voluto indagare sui motivi di questo particolare interesse e hanno invitato le donne a valutare la bellezza dei volti femminili osservati.


Stando a questo studio, quando le donne ‘fiutano’ un potenziale partner tendono a mettere in cattiva luce le rivali con lo scopo di aumentare le proprie possibilità di successo nella conquista. Donne che denigrano altre donne per farsi belle di fronte ad un uomo ambito? Un fenomeno vecchio quanto il mondo! Ma questo studio, primo nel suo genere, indica che l’olfatto gioca un ruolo determinante – al di fuori del controllo consapevole – in questo meccanismo.

“Le donne che si trovano nella fase a basso rischio di concepimento, esposte ad un odore non corporeo, giudicano i volti femminili come attraenti. Tuttavia, gli stessi volti ricevono un giudizio drasticamente inferiore quando le stesse donne sono esposte all’androstadienone, oppure si trovano nella fase ad alto rischio di concepimento. Questo suggerisce che le donne in fase fertile o anche semplicemente esposte all’androstadienone applicano una strategia di denigrazione nei confronti delle altre donne percepite come potenziali rivali nella scelta di un possibile partner”, spiega la dott.Valentina Parma, coinvolta nella sperimentazione.

About the author

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com