EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Sanremo con il botto: Festival commissariano. Celentano non piace?

Un sessantaduesimo compleanno per Sanremo con il botto! Schede non votate o problemi nel voto,  la valletta ammalata sostituita e….Celentano che mette nei guai il festival con un bel monologo irriverente più che mai, nell’Italia del default ennesima distrazione e tantissimo gossip.Sebbene lo share del monologo sia stato ottimo e, Gianni Morandi ha dato il meglio di sè le parole di Celentano su Famiglia Cristiana non piace all’Italietta benpensante e così da viale Mazzini partono i primi provvedimenti.

Il direttore generale della Rai Lorenza Lei, dopo aver ascoltato informalmente il presidente e i consiglieri di amministrazione presenti, ha deciso di inviare il vicedirettore generale per l’offerta Antonio Marano a coordinare con potere di intervento il lavoro del festival di Sanremo.

Mazzi è meravigliato, Morandi pure. Per Mazzi, comunque, «l’avventura di Celentano a Sanremo, conoscendolo, non è finita, anche se non mi ha fatto capire se tornerà o meno». Per la Cei invece Adriano  lo Smolleggiato è un ignorante.Si legge in  una nota del Sir, l’agenzia stampa della Cei: “Quando l’ignoranza  prende il microfono per diffondere il suo messaggio è doveroso replicare, seppur con serenità e rispetto delle persone, per amore della verità. Ieri sera, in apertura del Festival di Sanremo i giudizi di Adriano Celentano su due testate cattoliche nazionali da lui accusate di ipocrisia, di parlare di politica e non di Dio, sono stati la prova di un vuoto che è anche dentro di lui”.  Per Famiglia Cristiana invece Adriano Celentano, si legge sul Messaggero,  è solo un piccolo attivista dell’ipocrisia, un finto esegeta della morale cristiana che sfrutta la tv per esercitare le sue vendette private»: passa al contrattacco Famiglia Cristiana. «Come sanno i lettori, sulle nostre pagine, Franca Zambonini ha giustamente deprecato l’ingaggio faraonico per Sanremo, tradotto poi in beneficenza a suon di tromba, o meglio ancora di grancassa: altro che precetto evangelico. Arrivando, per la “scelta” delle sette famiglie di sette città diverse cui devolvere la somma (quale esattamente?) al “casting” della solidarietà». Per Famiglia Cristiana evidentemente è «lesa maestà…. Stando nel nostro orticello, di tutto possiamo essere accusati ma non di non parlare di Dio, fede e religione e dei bisogni spirituali dell’uomo di oggi. Sarà bene offrire un abbonamento omaggio al Re degli Ignoranti, in modo che possa conoscerci meglio».

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com