Italia

Costa Concordia: incidente probatorio. Costa Crociere: siamo parte lesa

E’ arrivato il 3 di marzo! Incidente probatori della Costa Concordia… naufraghi, i parenti delle vittime, accompagnati tutti dai loro legali e i consulenti di parte arrivano alla spicciolata davanti al teatro Moderno di Grosseto dove oggi ci sara’ la giornata del conferimento degli incarichi. Alle 9.30 e’ previsto l’avvio della prima maxi udienza, quella dell’incidente probatorio per il naufragio della nave Costa Concordia, avvenuto il 13 gennaio all’isola del Giglio. Comune denominatore per tutti: verita’ e giustizia.


Intanto si apprende che per il legale della Costa Crociere, la Costa Concordia è  “e’ obiettivamente parte offesa”, inoltre  l’avvocato respinge l’ipotesi che in un prossimo futuro la compagnia “possa trovarsi dalla parte degli indagati”. Il legale della compagnia ha poi sottolineato che nessun ritardo e’ stato dato “nell’allarme da parte di Costa. Aspettiamo ricostruzioni puntuali dell’accaduto”.  Mentre Salvatore Catalano, avvocato del comandante in seconda della Costa Concordia, Ciro Ambrosio ha dichiarato: “Il mio assistito e’ stato l’unico ufficiale che ha dato un ordine diverso dal comandante Francesco Schettino: calare le scialuppe dal ponte 4”.


“La legge dice che il comandante, in maniera assoluta, e’ responsabile della nave”. Sugli esiti del processo Catalano dice: “la speranza e’ che Ambrosio alla fine del procedimento possa vedere riviste le sue posizioni”. Ed ovviamente continuano le accuse a Schettino: “E’ un imbecille, per essere gentili, e anche un criminale”. Lo ha detto Francesca Scaramuzzi, una naufraga che il 13 gennaio si trovava a bordo della Costa Concordia insieme al marito. La signora ha sottolineato che neanche un ufficiale si e’ visto. “Quando siamo riusciti a salire sulla scialuppa, in meno di tre minuti siamo arrivati al Giglio. La nave si stava inclinando sempre di piu’ e se fossero passati altri cinque minuti non saremmo piu’ scesi”. Francesca sottolinea anche che la responsabilita’ “e’ della Costa Crociere. “Non ho mai pensato di morire, ho vissuto tutti quegli attimi come se io non ci fossi. E’ cosi’ che mi sono difesa”.

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close