EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Migliorare il corpo e lo spirito con una dieta che non sia privativa

Molte persone confondono il mangiare quanto si vuole con il mangiare ciò che si vuole.

Infatti, per la maggior parte di noi il problema principale che affrontiamo nel fare la dieta consiste nel privarci delle cose che più ci piacciono.
La bellezza della dieta Scardsale è che veramente si può mangiare la quantità di cibo desiderata, senza l’aiuto di pillole o altri prodotti chimici. Inoltre pare che nessuno che abbia seguito questo metodo per perdere peso si sia sentito affamato o irritabile, come succede invece durante molte altre diete. Sembra quindi di aver trovato una specie di Santo Graal: dimagrire mangiando quanto si vuole, un sogno per la maggior parte delle persone.


Attenzione a leggere bene però, infatti è vero che si può mangiare “quanto” si vuole, ma non “quello” che si vuole. Scendiamo più nel dettaglio: la dieta ha la durata di due settimane, e durante questo periodo si ha una tabella precisa di quello che si può mangiare a ogni pasto, e se si vuole perdere il peso programmato, fino a 10 chili in 14 giorni, bisogna esser precisi e intrasigenti con se stessi. Ci sono infatti 10 regole da rispettare per otternere i risultati sperati, tra cui: non fare mai sostituzioni ai cibi indicati nel menù, non bere e non mangiare niente di zuccherato e soprattutto non mangiare nulla preparato con olio e burro o altri condimenti grassi.
Nonostante la rigidità delle regole da seguire durante le 2 settimane, la Scarsdale sembra adatta comunque a gusti diversi, infatti oltre al menù della dieta base, all’inizio del “trattamento” si può scegliere tra altre quattro varietà: quella del buongustaio, con piatti per i palati più sofisticati, quella del risparmiatore, per dimagrire senza spendere tanti soldi, quella del vegetariano, per escludere sia i grassi sia la carne, e quella internazionale, per soddisfare la curiosità culinaria anche durante la perdita del peso.
E’ vero però che con questa dieta si può mangiare la quantità di cibo indicata a volontà, senza dover misurare mai nulla. Viene quindi spontaneo chiedersi com’è possibile che questo metodo funzioni veramente. La risposta ci arriva dalla chimica, infatti la combinazione dei cibi mangiati durante la dieta provoca un aumento del metabolismo e del consumo dei grassi già presenti nell’organismo e incrementa la produzione naturale di chetoni, che sono capaci di frenare l’appetito.
La dieta è programmata per due settimane, dopo le quali è consigliato un regime di mantenimento per non riprendere peso, che risulta meno rigido rispetto alla Scarsdale principale, così da essere più semplice da seguire.


Nonostante anche con questo metodo ci siano delle regole da seguire e dei sacrifici da fare (vedi la regola di fare spuntini solo con sedani e carote crude) pare sicuramente una delle diete migliori da intraprendere se si è in cerca di un regime alimentare che oltre a far perdere peso evita giramenti di testa in maniera del tutto naturale.

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com